Nessuno mi può giudicare

Covid-19 già in Italia da settembre scorso: uno studio coordinato dall’Istituto tumori di Milano è stato ripreso da tutte le agenzie e anche da molti media. La pubblicazione è diventata rapidamente una notizia anche perché la ricerca è uscita sulla rivista dello stesso istituto e il lavoro è stato accettato nello stesso giorno in cui …

Continue reading

Il pasticciaccio brutto di London Wall

Lancet t new England Journal of medicine pubblicano due articoli basati su dati non affidabili. La credibilità della comunicazione scientifica subisce un colpo molto forte, proprio quando in tempo di covid-19 avrebbe bisogno di solidità.

Continue reading

Riviste: prede e predatrici

“Mi hanno proposto di entrare nel comitato scientifico dell’International Journal of [xyz] Epidemiology. Che dici, mi devo fidare?” La domanda arriva a cadenza regolare: una volta a settimana da amici anche molto seri e informati. Possibile che il fenomeno delle riviste predatrici non sia ancora del tutto conosciuto? I fell into this trap because of …

Continue reading

Il silenzio della Cochrane

L’editoriale di Richard Horton sul Lancet del 14 novembre è sorprendente soprattutto per l’aggressività con cui critica la disinvoltura con cui sono prodotte revisioni sistematiche che includono studi metodologicamente discutibili. (1) Horton riprende le critiche dettagliate in un articolo di Ian Roberts uscito sul BMJ alcuni anni fa. (2) Roberts è una figura importante, perché …

Continue reading

Dopare l’impact factor

Da pochi giorni sono stati presentati i nuovi dati riguardanti l’impact factor delle riviste indicizzate sul Web of Science1. Nessuna particolare novità: 283 nuove riviste aggiunte alla banca dati e solo 17 cancellate. «L’impact factor (IF) è senza dubbio l’indicatore bibliometrico più utilizzato, male utilizzato e abusato nella scienza accademica. Le riviste sono classificate nel …

Continue reading

Riviste scientifiche più attente alle bufale

Quando si parla di salute, il rischio di bufale è davvero dietro l’angolo. A pensarci bene sembrerebbe impossibile: davvero possiamo permetterci il lusso di prenderci in giro da soli su un aspetto così importante della nostra vita? Sembra strano, ma è così. Negli ultimi anni sono aumentate le iniziative utili a contrastare la cattiva informazione. …

Continue reading

Open access nel mirino del NEJM

“Il bene pubblico … è la diffusione digitale mondiale della letteratura periodica sottoposta a peer review e l’accesso completamente libero e senza restrizioni da parte di tutti gli scienziati, studiosi, insegnanti, studenti e altre persone interessate. Eliminare le barriere all’accesso alla letteratura darà un’accelerazione alla ricerca, arricchirà l’istruzione, renderà possibile la convisione dell’apprendimento dei ricchi …

Continue reading