La sfida della modernità ai conflitti di interesse

Per integrare il finanziamento ai Centers for disease control and prevention (CDC), il Governo statunitense ha messo su una fondazione che si occupa di fund raising e di rapporti con enti, organizzazioni e industrie che abbiano voglia – o ritengano conveniente – finanziare dei progetti dei CDC. Tra i partner già acquisiti ci sono quasi …

Continue reading

Zeloti integralisti e detective

Meno male che esiste Wikipedia, preziosa anche nel rinfrescare la memoria sul termine zelota: “Gli zeloti (in ebraico: קנאים, Ḳanna’im) erano un gruppo politico-religioso giudaico apparso all’inizio del Primo secolo,  partigiani accaniti dell’indipendenza politica del regno di Giudea, nonché difensori dell’ortodossia e dell’integralismo ebraico dell’epoca. Considerati dai romani alla stregua di terroristi e criminali comuni, si ribellavano con le armi alla presenza romana in Israele.” Anti-industry bias could also render research unreliable. Hilda …

Continue reading

Cochrane: la attende uno scisma?

Le revisioni sistematiche di alta qualità sono fondamentali per prendere decisioni basate sulle prove e “nessuna organizzazione ha contribuito alla loro produzione come ha fatto la Cochrane, in precedenza Cochrane Collaboration, ora al suo 25° anno.” La breve nota del direttore del BMJ, Fiona Godlee, si aggiunge al confronto di questi giorni.  Vale la pena …

Continue reading

Doccia scozzese

Il ricercatore che attraverso studi rigorosi arriva a conclusioni che potrebbero essere male interpretate se lette frettolosamente o da un pubblico inesperto deve comunque comunicarle o deve astenersi dal farlo per prudenza? Questione non banale, affrontata di recente dal New York Times che spiegava come molti studiosi e clinici preferiscano evitare di sollevare pubblicamente dubbi …

Continue reading

Doug, Alessandro e la buona battaglia

La sola cosa alla fine impossibile fu tradurre quel titolo in italiano senza tradire il gioco di parole che lo aveva ispirato. Statistics with confidence diventò assai banalmente Gli intervalli di confidenza, una lettura essenziale che andava a integrare il testo precedente, La statistica nella pratica medica (Statistics in practice), una sorta di libro-manifesto voluto …

Continue reading

Big data e precision medicine: che meraviglia?

Descriveresti una sinfonia di Beethoven come un insieme di variazioni di onde sonore? Si chiude così, con una citazione da Albert Einstein, un ampio saggio di Rodolfo Saracci sullo European Journal of Epidemiology: l’epidemiologia nel paese delle meraviglie, il paese dei big data e della medicina di precisione1. Uno scritto permeato dall’acutezza di sguardo (“a …

Continue reading

Comunicare la ricerca a chi decide

Chi decide le politiche sanitarie non lo fa in base alle prove disponibili. Se ne parla da anni ma non si fanno passi in avanti. Per risolvere la questione o anche solo per migliorarla, è necessario passare da un’ottica di disseminazione delle informazioni sui risultati della ricerca a un modello non lineare ma bidirezionale. Il …

Continue reading

Nessuna domanda è sbagliata

“Quel che serviva era semplicemente il ritorno all’antico: noi e loro. I tecnici e i malati, chi sa e chi non sa. Il vero e il falso, la scienza e l’ignoranza. Insomma il ritorno alla delega totale al tecnico e basta.” Questa frase di Salvo Fedele sintetizza mesi di discussioni e di litigi, di insulti e di …

Continue reading