Le 10 cose per far vivere internet

La rete è in pericolo: sì, per i governi e il mercato è troppo importante controllarla. Doc Searle e David Weinberger – due degli autori del primo Cluetrain Manifesto (1999 – chi preferisce, può leggerlo tradotto sul suo blog da Luisa Carrada) – hanno aggiornato (o integrato?) il documento con nuove 121 tesi. O meglio: indizi, chiavi, per l’appunto. Qualche …

Continue reading

ECM Low cost? Sognatela…

Più costa, l’educazione continua in medicina, meglio è. Primo, perché le pratiche amministrative di accreditamento portano un sacco di soldi nelle casse della sanità italiana: più gente partecipa a un evento, più alto è il pedaggio da pagare ad Agenas. Secondo, perché più un progetto è costoso, maggiori probabilità ha di trovare uno sponsor: se …

Continue reading

Cercare documenti? Come andare a funghi

“Picasso diceva: <Io non cerco, trovo>. Si può trovare anche non cercando. Ma quando si cerca bisogna avere un’idea di cosa si sta cercando. E bisogna sapere in anticipo cosa ce ne faremo di quello che stiamo cercando, altrimenti non troveremo niente. La ricerca presuppone l’esistenza di un contenitore già pronto, cui ciò che si trova dovrà adattarsi”.

Andare in giro per il bosco è utile anche se passeggi e non cerchi nulla. Basta che ti alzi però.
Andare in giro per il bosco è utile anche se passeggi e non cerchi nulla. Basta che ti alzi però.

Quello che scrive Tullio Pericoli nel suo libro appena uscito, Pensieri della mano, sembra pensato proprio per chi vuole migliorare le proprie conoscenze consultando bibliografia e documentazione scientifica. Conoscere la tecnica per interrogare una banca dati – da Medline/Pubmed alla Cochrane Library – è importante, ma lo è ancora di più dare un obiettivo alla propria ricerca, dare il giusto peso ai dati recuperati, saper interpretare le informazioni e condividere le strategie migliori per tradurre ciò che abbiamo trovato in conoscenze che possano servire a migliorare la pratica clinica o a determinare diverse politiche di sanità pubblica.

Alla fin della fiera, è come andare a funghi, valutarne la qualità, vedere se hanno i vermi, cucinarli ed assaggiarli con gli amici.

Ecco le dispositive dell’intervento al corso sulla ricerca delle informazioni all’Ospedale Bambino Gesù di Roma, il 31 marzo 2014.

Dieci cose per usare meglio internet e il social web

Gli esperti non esistono più ma le persone competenti sì. Sono quelle che passano centinaia di ore ad occuparsi degli stessi problemi. Tipo come stare su internet usando il cervello. E, a forza di provare, le persone competenti risolvono pure i propri problemi. Ecco una sintesi di post di persone diverse che hanno dato consigli …

Continue reading

Medicina della precisione: sogno o incubo?

Il cellulare salverà la sanità? Secondo Eric Topol certamente. C’è bisogno di vie d’uscita distruttive, va dicendo da qualche anno, e lo smartphone si candida ad esserlo. Strumento di sorveglianza per il malato cronico che causa il 90 per cento dei costi della sanità statunitense. Mezzo per fronteggiare le urgenze di minore gravità ma che …

Continue reading

On the move nel vecchio Ospedale

La scritta Radiologia è proprio sopra la ragazza della biglietteria del festival di fotografia di Cortona: On the Move. Il filtro attraverso il quale interpretare la realtà è il viaggio, inteso anche soltanto come movimento o transizione, più o meno drammatica, tra una condizione e l’altra: benessere e indigenza, serenità e lutto, salute e malattia. …

Continue reading

La persona competente vede i rischi della tecnologia

“Le passeger qui, pour la premier fois, s’élève dans l’air, va d’étonnement en étonnement. Sa vision du mond est toute bouleversée. C’ést, en effet, la vision verticale qui, soudain, se substitue à la vision horizontale ò laquelle il était toujours habitué. Aussi, le voyager aérien est il parfois complètement perdu en l’air. C’ést toute une …

Continue reading

Dov'è finito il "Letto 23"?

Che fine avrà fatto il signore nel letto 23 della terapia intensiva del Gemelli? Era ricoverato da molte settimane e nelle ultime due ha avuto accanto mio padre, anche lui malato. Dai medici e infermieri non una parola di spiegazione a chi nei giorni precedenti aveva condiviso – col “letto 23” – sospiri, rumori, speranze. …

Continue reading