Non pubblicare sulle riviste d’assalto

Dai National Institutes of Health (NIH) arriva una raccomandazione: stare alla larga dai cosiddetti predatory publishers, vale a dire quegli editori (e quelle riviste) che continuano a inviare email a clinici e a ricercatori invitandoli a pubblicare su riviste poco conosciute ma (incredibilmente) talvolta già indicizzate (1). A pagamento, s’intende. L’obiettivo dei NIH è tutelare …

Continue reading

Stabilire un tetto alle pubblicazioni

Sono trascorsi venticinque anni da quando Drummond Rennie e Ann Flanagin scrivevano che la letteratura scientifica era “il gettone che serve agli accademici per attraversare le barriere sulla strada dell’avanzamento di carriera” (1). Come osserva oggi Brian C. Martinson su Nature, sono finiti i tempi in cui l’obiettivo del pubblicare era il desiderio di condividere …

Continue reading

Sbrigati a pubblicare che ti pago

Spicy, hot, fresh and fragrant. Conosciamo Sichuan per la cucina, una delle quattro “culle” della gastronomia cinese. Da quelle parti, però, non tengono soltanto alla coltivazione del peperoncino, se è vero – com’è vero – che la facoltà universitaria di Agricoltura della città ha annunciato in pompa magna l’assegnazione di un riconoscimento di 2 milioni …

Continue reading

Pubblico, ergo sum

“Io scrivo sul New England e tu, al massimo, su Intimità“. Chi lo avrebbe mai detto, fino a pochi mesi fa, che una frase del genere potesse essere rivolta da un medico universitario a una collega medico che lavora nella comunicazione? Invece è successo e addirittura accade spesso, soprattutto nelle bacheche di chi, su Facebook, …

Continue reading

Il direttore? Il dottor Frode.

Non passa giorno che non ci ritroviamo nella posta almeno un invito a scrivere per una rivista che non abbiamo mai sentito nominare. Il 35% dei clinici e dei ricercatori ne riceve più di 6 a settimana: è quello che viene fuori da un sondaggio informale di Nature (se vuoi partecipare vai a questo link). …

Continue reading

Le vie dell’impact factor sono infinite

  È probabilmente uno dei maggiori scandali della medicina degli ultimi anni. Il chirurgo Paolo Macchiarini ha effettuato diversi interventi di sostituzione della trachea presso il Karolinska Institutet causando drammatiche sofferenze ai pazienti, senza peraltro modificare il corso della malattia. Licenziato dal centro svedese, il suo operato ha determinato anche alcune clamorose dimissioni da parte di …

Continue reading

Le riviste scientifiche: vecchie e potenti

Grande entusiasmo a Boston. Meno ottimismo di quanto non abbia manifestato il direttore del New England Journal of Medicine, Jeffrey Drazen, è quello che si respira a 137 miglia di distanza, alla Yale University. Harlan M. Krumholz, direttore di Circulation Cardiovascular Quality and Outcomes, propone una prospettiva radicalmente diversa in un articolo dal titolo emblematico …

Continue reading

Conservatori e aggrappati all’impact factor

«Gran parte di ciò che leggiamo sulle riviste non è corretto, ma non posso dire chi lo ha detto». L’apertura dell’editoriale di Richard Horton sul Lancet dell’11 aprile scorso1 è inquietante: ha partecipato ad un incontro del Wellcome Trust alla Chatham House di Londra e ha dovuto rispettare l’obbligo di riservatezza imposto ai partecipanti. È …

Continue reading