Risparmiare soldi mai spesi

Ha scontentato tutti ma è diventata una moda; la spending review si applica ai bilanci aziendali e alle paghette dei figli: potevamo farci mancare di usarla per riconsiderare le spese per la formazione del personale sanitario? A pensarci per primo è stato il ministro Tremonti (a proposito: che fine avrà fatto?), che nella legge Finanziaria …

Continue reading

Se la gente è slow e le popolazioni meno

Cosa c’entrerà Eric Hobsbawm con il mondo di Slow Medicine? Molto probabile che non ci azzecchino nulla. Ad eccezione di una sensazione, simile a quei momenti che due grandi pensatori del secolo breve – Freud e Guccini – definirono felicemente come “déjà vu”. Tutto – beh, tutto è una parola grossa – nacque dalla polypill; …

Continue reading

Il ragazzo che amava fare cose insieme

Erano gli anni nei quali, dopo un decennio segnato da lutti e lacerazioni, la passione ostinata di chi cercava comunque di andare oltre il presente progettava in campo sanitario una Riforma “molto matura a parole e così poco pronta nelle cose e nelle strutture”. Si trattava di un cambiamento che metteva il nostro paese in …

Continue reading

E’ davvero questa l’EbM?

In un articolo uscito il 16 luglio 2012 sull’edizione online della rivista Thrombosis and Hemostasis, Victor Serebrauny (Johns Hopkins University) e Dan Atar (Oslo University Hospital) mostrano che, nei trial TRITON TIMI 38, RECORD e PLATO, il numero di infarti miocardici registrato nei siti dei singoli studi differisce da quello riportato dai Clinical Events Committees …

Continue reading

L'AIFA estiva e l'utilità dell'informatore

I medici che riducono gli incontri con gli informatori scientifici del farmaco o che – addirittura! – sospendono queste … “straordinarie opportunità di aggiornamento” sono i più lenti a modificare le abitudini prescrittive dopo provvedimenti delle agenzie regolatorie. Soprattutto nella medicina generale. I risultati di uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Hypertension sono allo …

Continue reading

E' tutto nuovo di zecca

“Il nostro desiderio di novità, nell’assistenza sanitaria, non sempre coincide col nostro bene, individuale o collettivo”. La nota di Ray Moynihan sul BMJ del 23 giugno scorso è molto garbata. Addirittura troppo prudente, a leggere i giornali di questi giorni. Davanti al Ministero della Giustizia statunitense, GlaxoSmithKline ha ammesso la propria colpevolezza riguardo alcune attività …

Continue reading

Le verità fragili dell'industria farmaceutica

Londra: torna Laura e racconta della retrospettiva su Damien Hirst, uno dei più acclamati artisti contemporanei: fino al 9 settembre è in corso “a brilliant Tate show”, come ha scritto il Sunday Times. Sempre da Londra: nell’area blog del BMJ (che tra big Pharma e medicine complementari sta diventando un po’ troppo ecumenica), trovo un …

Continue reading

La differenza tra investire e spendere

Lo studio sul confronto tra l’efficacia e l’efficienza delle cure oncologiche prestate ai malati negli Stati Uniti e europei avrebbe meritato maggiore e più ampia discussione. Pubblicato su una rivista di indiscussa autorevolezza come Health Affairs (qui il link al testo completo), giunge a conclusioni che sembrano favorire l’assistenza “a stelle e strisce”. Queste le …

Continue reading