Tom Jefferson: Alessandro Liberati, chi era costui?

Solo incrociando le lezioni del passato con gli strumenti del presente potremo disegnare soluzioni alla crisi di giustizia sociale, alle incertezze dello sviluppo economico, allo scandalo delle disuguaglianze, al paventato decadimento culturale. Le conclusioni a cui giunge Alessandro Baricco nel suo recentissimo libro, The game, potrebbero tornare utili a chi pensa che per risolvere i …

Continue reading

Se il fotografo è il “matto”

Gli scatti di Berengo e della Cerati, di D’Alessandro, Lucas e Depardon hanno dato una forte spinta alla riforma psichiatrica di cui oggi celebriamo i quarant’anni. Ma oggi qualcosa è radicalmente cambiato. Negli anni Sessanta e Settanta, la fotografia ha avuto un ruolo di rivelazione di qualcosa che non era conosciuto. La reclusione dei malati …

Continue reading

“Privato” è bello ma un po’ mi vergogno

E’ finito sul New York Times : José Baselga, uno degli oncologi più famosi del mondo e dirigente del Memorial Sloan Kettering Cancer Institute di New York, si è dimenticato di dichiarare in calce ai propri articoli di aver preso un sacco di soldi dalle più disparate industrie farmaceutiche. Una dimenticanza. Si è pubblicamente scusato dicendo che …

Continue reading

Zeloti integralisti e detective

Meno male che esiste Wikipedia, preziosa anche nel rinfrescare la memoria sul termine zelota: “Gli zeloti (in ebraico: קנאים, Ḳanna’im) erano un gruppo politico-religioso giudaico apparso all’inizio del Primo secolo,  partigiani accaniti dell’indipendenza politica del regno di Giudea, nonché difensori dell’ortodossia e dell’integralismo ebraico dell’epoca. Considerati dai romani alla stregua di terroristi e criminali comuni, si ribellavano con le armi alla presenza romana in Israele.” Anti-industry bias could also render research unreliable. Hilda …

Continue reading

Vaccini: dobbiamo dar retta agli attori?

I media dedicano sempre meno spazio a notizie e contenuti di argomento scientifico: negli ultimi anni, molte riviste e siti web hanno chiuso le pagine dedicate alla salute e, in generale, alla scienza. Secondo Paul Offit, direttore della divisione di Pediatria al Children Hospital di Philadelphia, non è una buona notizia perché diminuisce la familiarità …

Continue reading

Che succede alle linee guida?

Per molti anni, la Agency for Healthcare Research and Quality (AHRQ) è stato “il” riferimento internazionale sulle linee guida, soprattutto in quanto curatrice della risorsa alla quale tutti i professionisti sanitari hanno fatto ricorso per consultare raccomandazioni e documenti di consenso in campo medico e sanitario: la National Guidelines Clearinghouse (NGC). Il 16 luglio il sito …

Continue reading

Il grande caos delle riviste scientifiche

E’ una delle spese invisibili del servizio sanitario nazionale: quella per gli abbonamenti alle riviste e alle banche dati. In Italia nessuno ne parla, lasciando i bibliotecari e i responsabili della formazione alla mercè degli editori che con impressionante regolarità aumentano i prezzi dei periodici anno dopo anno e senza alcuna giustificazione. The current system …

Continue reading

Evidence-based medicine: significa ancora qualcosa?

“Evidence based medicine is so much part of the air we breathe it can be hard to remember a time before it. (…) As with democracy and peer review (with apologies to Winston Churchill), evidence based medicine may be the worst system for clinical decision making, except for all those other systems that have been …

Continue reading