Buon natale, associazione Liberati

“La Cochrane Collaboration è stata lanciata nel 1993 con grande entusiasmo. Mirava a offrire l’impegno volontario, forte, indipendente e critico per dare concretezza agli obiettivi della medicina basata sulle prove in tutto il mondo attraverso la produzione di revisioni sistematiche di alta qualità e rigorose. Questo sforzo ha prodotto una quantità enorme di documentazione e …

Continue reading

Non c’è alcun conflitto di interessi

Il presidente eletto dell’American society of clinical oncology, Howard A. “Skip” Burris III, ha dichiarato di non avere conflitti di interesse in 50 articoli pubblicati negli ultimi anni, compresi alcuni lavori usciti sul New England Journal of Medicine. Eppure la consultazione della banca dati statunitense che registra i compensi avuti dai medici rivela che ha personalmente …

Continue reading

Twitter, il Ministero, la memoria e la storia

All’inizio degli anni Settanta, facevamo i fattorini per i nostri papà che contribuivano al percorso di avvicinamento alla riforma del servizio sanitario. Portavamo buste di bozze e di libri in motorino girando per Roma. Oggi Marco Delogu è uno dei grandi fotografi italiani ed è direttore dell’Istituto italiano di cultura a Londra. Ha appena organizzato …

Continue reading

Tom Jefferson: Alessandro Liberati, chi era costui?

Solo incrociando le lezioni del passato con gli strumenti del presente potremo disegnare soluzioni alla crisi di giustizia sociale, alle incertezze dello sviluppo economico, allo scandalo delle disuguaglianze, al paventato decadimento culturale. Le conclusioni a cui giunge Alessandro Baricco nel suo recentissimo libro, The game, potrebbero tornare utili a chi pensa che per risolvere i …

Continue reading

Se il fotografo è il “matto”

Gli scatti di Berengo e della Cerati, di D’Alessandro, Lucas e Depardon hanno dato una forte spinta alla riforma psichiatrica di cui oggi celebriamo i quarant’anni. Ma oggi qualcosa è radicalmente cambiato. Negli anni Sessanta e Settanta, la fotografia ha avuto un ruolo di rivelazione di qualcosa che non era conosciuto. La reclusione dei malati …

Continue reading

“Privato” è bello ma un po’ mi vergogno

E’ finito sul New York Times : José Baselga, uno degli oncologi più famosi del mondo e dirigente del Memorial Sloan Kettering Cancer Institute di New York, si è dimenticato di dichiarare in calce ai propri articoli di aver preso un sacco di soldi dalle più disparate industrie farmaceutiche. Una dimenticanza. Si è pubblicamente scusato dicendo che …

Continue reading

Zeloti integralisti e detective

Meno male che esiste Wikipedia, preziosa anche nel rinfrescare la memoria sul termine zelota: “Gli zeloti (in ebraico: קנאים, Ḳanna’im) erano un gruppo politico-religioso giudaico apparso all’inizio del Primo secolo,  partigiani accaniti dell’indipendenza politica del regno di Giudea, nonché difensori dell’ortodossia e dell’integralismo ebraico dell’epoca. Considerati dai romani alla stregua di terroristi e criminali comuni, si ribellavano con le armi alla presenza romana in Israele.” Anti-industry bias could also render research unreliable. Hilda …

Continue reading

Vaccini: dobbiamo dar retta agli attori?

I media dedicano sempre meno spazio a notizie e contenuti di argomento scientifico: negli ultimi anni, molte riviste e siti web hanno chiuso le pagine dedicate alla salute e, in generale, alla scienza. Secondo Paul Offit, direttore della divisione di Pediatria al Children Hospital di Philadelphia, non è una buona notizia perché diminuisce la familiarità …

Continue reading