Covid e scuole: meglio far finta di non sapere

Riparte l’industria e, forse, riaprono le scuole. Rispetto a qualche mese fa, sappiamo qualcosa in più del virus e della malattia, ma molto poco – o nulla – delle politiche utili a contrastarli. Uno dei pilastri della sanità pubblica è la valutazione degli interventi sanitari. Non è una novità, anzi. Misurare gli effetti (l’impatto, si …

Continue reading

Vittime di una virilità precaria

Mettere o no la mascherina è una scelta che dipende da tante cose, compreso il genere. Le donne la indossano più spesso e questo è in linea con una generale maggiore attenzione alla salute e alla protezione del proprio corpo. Leggendo per preparare una nota per la rivista dell’Ordine dei medici di Torino ho scoperto …

Continue reading

Da cosa dipende la nostra salute

“My dad was a healthy 65 year-old. His only preexisting condition was trusting Donald Trump, and for that he paid with his life.” In un paio di minuti, Kristin Urquiza ha spiegato come le disuguaglianze razziali, sociali ed economiche incidono sulle condizioni della salute delle persone. Lo ha fatto a partire dalla storia e dalla …

Continue reading

Pe’ scopa’.

[Chiedo scusa a chi potrebbe giudicare inopportuno un “titolo” obiettivamente non elegante.] L’ordinanza del Governo sulla chiusura delle discoteche è l’ennesima evidenza della distanza tra le politiche sanitarie e la vita quotidiana, tra i principî e i bisogni. Tra la composizione delle Commissioni governative e chi abita il Paese e, alla fine, sceglie in merito …

Continue reading

La fotografia: pensare ai valori e non alle regole

Essenziali, ma non protetti. Si chiama Arghavan Salles ed è medico e ricercatrice a Stanford in California dove lavora su programmi sulla disuguaglianza di genere sui luoghi di lavoro. All’inizio della crisi per la covid-19 è volata a New York per lavorare dalle 7 alle 21 nella terapia intensiva di un ospedale in un’area povera …

Continue reading

Covid e la certezza del dubbio

Monaci, prudenza e comunicazione. Nel chiostro dell’abbadia di Fiastra c’è una lapide che ricorda ai monaci di parlare poco e ascoltare molto (e di preoccuparsi delle conseguenze della propria possibile imprudenza). È in gran parte una questione di umiltà o, più concretamente, di saggezza utile a evitare figuracce: bisogna sempre ricordare che la smentita è …

Continue reading