Tutto è perduto, fuorché l’onorario

È molto più difficile giudicare sé stessi che giudicare gli altri, si legge sul Piccolo principe. Chissà se sarà venuto in mente a Elliot Gilbert, chimico australiano presente nel comitato scientifico del Journal of Applied Crystallography e di Food structure. Qualche settimana fa, ha ricevuto una email dalla redazione di un’altra rivista, pubblicata da una …

Continue reading

Dichiaro di amare un buon whisky

Chi scrive di nutrizione o di diete, sostenevano Ioannidis e Trepanowski sul JAMA a inizio dicembre 2017, dovrebbe usare un supplemento di sincerità nel dichiarare i propri conflitti di interesse: preferenze alimentari (essere vegani, seguire particolari diete, non mangiare carboidrati, ricorrere a integratori o supplementi dietetici e potremmo continuare) o pratiche religiose (perlomeno quelle che …

Continue reading

Conflitti di interesse e direttori di riviste

Chi dirige una rivista scientifica ha un grande potere, perché le sue decisioni influenzano l’andamento economico di prodotti, i risultati finanziari delle industrie, le carriere professionali di colleghi. Paradossalmente, la principale missione di un direttore di rivista ha un impatto minore: la possibilità di influenzare il dibattito scientifico. Ugualmente modesta è l’attenzione per l’esposizione degli …

Continue reading

Politica sanitaria: serve credibilità

L’anno che verrà si chiude con due brutte notizie per la politica sanitaria del nostro paese: la mancanza del numero legale necessario alla votazione della legge per lo ius soli e l’approvazione del cosiddetto decreto Lorenzin, salutato come una legge di “riordino” della sanità italiana. Tra le novità, il riconoscimento come professioni sanitarie dell’osteopatia e …

Continue reading

Pillole per curare una sanità influenzata

Si discute dagli anni Settanta del difficile equilibrio tra l’efficacia dei farmaci e la necessità commerciale della loro promozione, dei dubbi sulle relazioni insidiose tra chi prescrive e chi produce. Se ne discute da troppo tempo per credere che le dinamiche siano rimaste allo stesso punto nel quale furono fotografate dalle riflessioni di Albano Del …

Continue reading

Società scientifiche e il Medioevo dell’integrità

La cornice è quella di una grande azienda ospedaliero-universitaria italiana: da diversi mesi è in corso un piano triennale anticorruzione che coinvolge diverse centinaia di operatori sanitari. A turno e periodicamente, si riuniscono per incontri a tema che alternano momenti in plenaria e lavori di gruppo per la redazione di documenti da portare all’attenzione della direzione aziendale.

E’ la volta di un confronto sulle criticità potenziali nei rapporti tra il personale dipendente dell’azienda e le società scientifiche. L’obiettivo è di mettere in luce le opportunità che possono nascere da queste collaborazioni, sia a livello individuale, sia per l’azienda. Allo stesso tempo, si intenderebbe sottolineare i rischi, personali e aziendali. Sebbene il “piano” sia intitolato alla “anticorruzione“, chi collabora con i responsabili aziendali a questo insieme di attività formative preferisce capovolgere l’approccio: è la promozione dell’integrità dell’istituzione che interessa, a partire dalla valorizzazione della correttezza dei comportamenti dei singoli professionisti.

Le società scientifiche svolgono un ruolo sempre più importante nella sanità di oggi: basti pensare alla funzione centrale che è stata loro assegnata dalla legge sulla responsabilità professionale. Sono spesso molto attive e hanno grande visibilità, ma c’è qualcosa che non va: il loro numero cresce senza motivo (sembrerebbe per obbedire a logiche che poco hanno a che fare con le loro finalità statutarie che si concentrano sulla formazione, l’aggiornamento e la ricerca) (1) e entrano in conflitto competitivo rivendicando ciascuna un proprio primato. Basta vedere cosa sta succedendo nella corsa per entrare a far parte dell’elenco previsto dal decreto del 2 agosto 2017 applicativo della legge Gelli.

 

 

Le opportunità per la sanità pubblica che nascono dal lavoro delle associazioni professionali sono note: per esempio, il coordinamento di importanti attività di ricerca così come le più recenti esperienze promosse dall’American Board of Internal Medicine Foundation (ABIM) e organizzate in maniera quasi sistematica nell’iniziativa Choosing wisely ripresa anche in Italia dal progetto Fare di più non significa fare meglio. Anche i rischi però sono noti: un’attività di lobbying talvolta troppo spregiudicata, qualche eccesso nella facilitazione delle carriere accademiche di alcuni iscritti, relazioni molto ravvicinate e non sempre trasparenti con industrie farmaceutiche, di tecnologie e del settore alimentare.

 

 

Come governare queste relazioni così che l’equilibrio sia favorevole sia per il professionista, sia per l’azienda? In primo luogo ricordando che ciò che importa di più è proteggere l’integrità del servizio sanitario regionale o nazionale: è in gioco la qualità dell’assistenza e delle strategie di sanità pubblica, molto prima che la moralità del singolo operatore che, dopotutto, è una questione che riguarda la coscienza individuale. Secondo, facendo crescere la consapevolezza del rischio: anche piccoli doni creano una complicità che può rivelarsi imbarazzante o pericolosa. Terzo, non considerando impossibile la scelta di rinunciare a compensi e regali. Come osservava il citatissimo articolo di Rothman uscito sul JAMA nel 2009, “per conservare l’integrità può essere necessario fare qualche sacrificio” (2). Ma quasi sempre ne vale la pena.

 

In un momento di pausa, nella grande aula magna si sente un commento: “Questo qui vole farci torna’ al Medioevo”. Voglio farli torna’ al Medioevo. Per un attimo mi vedo come Troisi che si copre il pacco scendendo nella piazza del paese di Vitellozzo. Non si tratta di fare crociate per demonizzare la collaborazione tra la sanità pubblica e l’industria privata. La cosa complicata è fare andare d’accordo chi ritiene che il servizio sanitario possa non aver bisogno dei finanziamenti privati (e il corollario, la sanità integrativa) – perché basterebbe un sistema sociale e sanitario che consumasse meno medicina – con chi è convinto che progresso e innovazione passino necessariamente per un’intesa tra pubblico e privato – perché il volano del benessere è lo sviluppo economico. Come se gli obiettivi della sanità pubblica e delle imprese private coincidessero.

Non c’è di mezzo solo il domani del SSN. Su questo si decide la possibilità di un’intesa tra Partito democratico e la Sinistra più autentica del paese. Sulla convinzione che sollecitare una riflessione sullo sviluppo equivalga a un ritorno al Medioevo si decide, in fin dei conti, il domani dell’Italia.

 

  1. Vercellini P, Viganò P, Frattaruolo MP, et al. Proliferation of gynaecological scientific societies and their financial transparency: an Italian survey. BMJ Open. 2016;6: e008370. doi:10.1136/ bmjopen-2015-008370.
  2. Rothman DJ, McDonald WJ, Berkowitz CD, Chimonas SC, DeAngelis CD, Hale RW, Nissen SE, Osborn JE, Scully JH, Thomson GE, Wofsy D. Professional medical associations and their relationships with industry: a proposal for controlling conflict of interest. Jama 2009;301(13):1367-72.