Riviste: prede e predatrici

“Mi hanno proposto di entrare nel comitato scientifico dell’International Journal of [xyz] Epidemiology. Che dici, mi devo fidare?” La domanda arriva a cadenza regolare: una volta a settimana da amici anche molto seri e informati. Possibile che il fenomeno delle riviste predatrici non sia ancora del tutto conosciuto? I fell into this trap because of …

Continue reading

Imperdibile Twitter

Twitter è uno strumento essenziale per il medico. Lo spiega un articolo di Nature che sottolinea il valore per la condivisione, multidisciplinarità e democrazia.

Continue reading

Responsabilità e accountability

Partiamo dalla seconda: accountability. Qualcuno dice che in italiano si traduce con responsabilità ma i conti non tornano. In inglese, la parola nasce da un verbo (to account: dar conto) e da un sostantivo (ability: essere in grado). Quindi è facile: essere capace di dar conto. I francesi, infatti, traducono con “obligation de rendre des …

Continue reading

Il silenzio della Cochrane

L’editoriale di Richard Horton sul Lancet del 14 novembre è sorprendente soprattutto per l’aggressività con cui critica la disinvoltura con cui sono prodotte revisioni sistematiche che includono studi metodologicamente discutibili. (1) Horton riprende le critiche dettagliate in un articolo di Ian Roberts uscito sul BMJ alcuni anni fa. (2) Roberts è una figura importante, perché …

Continue reading

Editori di “roba grave” e nuovo millennio

L’editore è un mediatore. Chiunque lavori nell’editoria svolge attività di mediazione. Penso a chi lavora sui testi o sulle immagini, a chi produce formazione a distanza, a chi cura le relazioni con i media. Soprattutto al lavoro dell’editor che deve trovare una sintesi tra il modo di esprimersi dell’autore e la capacità o la disponibilità …

Continue reading

Le cure alternative alla persona che ha il cancro

I farmaci oncologici hanno un costo immorale, che tantissimi malati non possono permettersi nei paesi in cui la sanità è basata su sistemi assicurativi. I medici più conosciuti – i cosiddetti opinion leader – hanno un ruolo sproporzionato rispetto alle loro competenze e condizionano le prescrizioni dei colleghi con le loro pubblicazioni e con le …

Continue reading

Omeopatia: l’Europa ci ripensa?

Il chief executive del National Health System inglese ha espresso le sue “serie preoccupazioni” sull’omeopatia, sostenendo che la pratica è “viziata alla fonte”. Simon Stevens e il direttore medico nazionale del NHS, Stephen Powis, hanno scritto alla Professional Standards Authority (PSA) in merito ad una possibile nuova procedura di accreditamento della società degli omeopati. Nella …

Continue reading