Non siamo mai i cattivi

L’atrocità non è nuova, né agli esseri umani né agli animali. Ma nella nostra epoca è particolarmente ben organizzata, inflitta con recinti, treni speciali, filo spinato, liste, campi di lavoro, gas. E ultimamente con l’assenza dei corpi. Non se ne vide nessuno, tranne quelli che si lanciavano nel vuoto, il giorno in cui il cuore …

Continue reading

Quale politica? Quella della conoscenza

Editore è una parola del Secolo breve; Carducci ne chiedeva il significato ad un amico a pochi anni dall’inizio del Novecento. È anche parola sostanzialmente europea: il nostro continente ne è stata la culla, con le tradizioni centroeuropea, francese e italiana, a iniziare da Torino e Firenze. Ed è un termine – editore – intrecciato …

Continue reading

On the move nel vecchio Ospedale

La scritta Radiologia è proprio sopra la ragazza della biglietteria del festival di fotografia di Cortona: On the Move. Il filtro attraverso il quale interpretare la realtà è il viaggio, inteso anche soltanto come movimento o transizione, più o meno drammatica, tra una condizione e l’altra: benessere e indigenza, serenità e lutto, salute e malattia. …

Continue reading

Copertine un Po illogiche

“Non è che Munari ‘facesse le copertine’. Veniva lì e discuteva”. Munari è Bruno e chi racconta (a Severino Cesari nel Colloquio del 1991) è Giulio Einaudi. Munari arrivava da Milano che voleva dire due ore di viaggio e un altro mondo: la creatività “innestata” (così dice Einaudi) nel pragmatismo della tecnica tipografica. “Gli dicevo: …

Continue reading

Osteoblob e il crollo dell'informazione scientifica

L’osteoporosi è metafora di una comunicazione fragile che implode e collassa su se stessa. Tutto e niente è osteoporosi, territorio di sex symbol attempate, di overdiagnosi e di Mirabelli contriti che contrastano la normalità dell’invecchiare così ben raccontata nel Pranzo di Ferragosto. Farmaci inutili ed esami superflui d’accordo, ma anche soluzioni a base di yogurt …

Continue reading

Gli occhi di un fotografo sono diversi

Luigi Ghirri (1943-1992) è stato uno degli artisti italiani più importanti per il rinnovamento del linguaggio fotografico non soltanto nell’ambito dell’interpretazione del paesaggio ma più in generale per la testimonianza sul mondo. Dal suo lavoro, nel clima culturale fotografico italiano dei primi anni Ottanta, nacque l’idea di un progetto, Viaggio in Italia, che vide la …

Continue reading

Servono slides? Fai come Le Corbusier

Quelle diapositive dietro di noi sono dei guardiaspalle: danno sicurezza, indicano la strada dove andare, dettano i tempi, danno il ritmo. Ci illuminano da dietro e nascondono brufoli, zampe di gallina e il tempo che passa. Sono il moderno suggeritore dalla buca, coperta di Linus, oggetto transizionale per ogni relatore. Peccato che ci hanno proprio …

Continue reading

Quello è un genio: quasi quasi lo copio

Di pirla originali, in giro ce ne sono parecchi. Di gente creativa e intelligente, purtroppo, molto meno. I pochi che ci sanno fare davvero, però, sono una grande fonte di ispirazione. A patto di non copiare: non solo è rischioso ma tradisce la fiducia. Entri in libreria e inizi a soffrire di fronte alle spianate …

Continue reading