Il ragazzo che amava fare cose insieme

Erano gli anni nei quali, dopo un decennio segnato da lutti e lacerazioni, la passione ostinata di chi cercava comunque di andare oltre il presente progettava in campo sanitario una Riforma “molto matura a parole e così poco pronta nelle cose e nelle strutture”. Si trattava di un cambiamento che metteva il nostro paese in …

Continue reading

La differenza tra investire e spendere

Lo studio sul confronto tra l’efficacia e l’efficienza delle cure oncologiche prestate ai malati negli Stati Uniti e europei avrebbe meritato maggiore e più ampia discussione. Pubblicato su una rivista di indiscussa autorevolezza come Health Affairs (qui il link al testo completo), giunge a conclusioni che sembrano favorire l’assistenza “a stelle e strisce”. Queste le …

Continue reading

Potreste pubblicare di meno?

Ogni anno creiamo 1.200 miliardi di gigabyte di informazione. Fa più effetto se pensiamo che una cartella con mille foto in buona risoluzione, più o meno, fa un giga. Ogni cinque anni, questi numeri si stanno moltiplicando per dieci. Il bicchiere è mezzo pieno se consideriamo i vantaggi: ne vengono in mente molti, ognuno scelga …

Continue reading

Cosa manca alla "comunicazione"?

Troppo interessante per essere solo un “Commento”. Scrive ieri sera Franco Galanti a dottprof a proposito di “comunicazione”: 1) manca la volontà di dialogare (se non per strettissime necessità in tempi minimi segnati dgli sms) – la sola volontà che implichi l’esercizio all’ascolto e lo sforzo razionale e/o empatico alla comprensione del contesto e del …

Continue reading

Informare non è comunicare

Informazione e comunicazione sono cose diverse. La prima non prevede il confronto; la seconda non esiste senza dialogo. Si è parlato anche di questo al convegno al Mario Negri dove i bambini e le medicine erano un pretesto per discutere di diritti, di storia, di metodologia, di azzardi, di falsa innovazione, di rischio. Informazione: ce …

Continue reading

Peccato: il mio barbiere non è il mio medico

Il mio barbiere tiene molto al proprio lavoro. E’ di Alba, in Piemonte, ma vive a Roma da qualche tempo, e ha aperto da un anno una bottega che chiama “barbieria”, come quelle americane. Ma soprattutto come quelle siciliane. Sebbene venga dal nord, ammira molto la tradizione siciliana. Il maestro del mio barbiere è siciliano. …

Continue reading

Open access, trasparenza, editoria…

Una bella cosa, finalmente: il Necobelac è una collaborazione tra documentalisti e ricercatori europei e latino-americani per far crescere le competenze di comunicazione/redazione in campo scientifico, in un’ottica di libero accesso ai dati della ricerca. Il gruppo italiano dell’Istituto Superiore di Sanità è tra i promotori e questo è un altro motivo di soddisfazione e, …

Continue reading

Che fine faranno i libri?

Il Pensiero cambia sede: la nuova è un open space nella periferia romana. Spazio aperto con muri esterni (ovviamente) ma senza pareti interne. Una delle domande è apparsa chiara già all’indomani della decisione: che fine faranno i libri? Lo stesso interrogativo rilanciato da un librino visto domenica vicino alla cassa della libreria benevolmente aperta per …

Continue reading