Farla breve

Dice Eliot che aprile è il più crudele dei mesi: ti credo, è tempo di bilanci. Non a caso, nasce l’urgenza di fare pulizia (è Pasqua no?) e spesso cogliamo l’occasione per sbarazzarci di qualcosa, di gettare le robe inutili. Il desiderio è vedere meglio, fare chiarezza. E meno cose ci sono in giro, più …

Continue reading

Sms: fanno bene alla salute

Nove ragazzini americani su dieci mandano sms e in media ne spediscono 2.899 ogni mese (capperi!): da grandi staranno meglio in salute. A patto di accettare di riceverne dal proprio medico o dalle istituzioni sanitarie che, furbi…, useranno i messaggini per… 1. rendere più tempestiva la comunicazione dei risultati dei test diagnostici; 2. monitorare l’andamento …

Continue reading

Aiuto, il multitasking!

Piers e Bronte sono i due fratelli americani protagonisti di un articolo del Time che 5 anni fa lanciava l’allarme sul “pericolo multitasking”: ragazzini e adolescenti fanno troppe cose tutte insieme e, oltre a farle male, gli va il cervello in pappa. Almeno, così sostiene qualcuno. E’ una questione intrigante e, per farsi un’idea, conviene …

Continue reading

Twitter e la rivoluzione (sanitaria)

La gente che usa Twitter produce qualcosa come 130 milioni di tweet al giorno. Durante il Super Bowl, lo scorso fine settimana, i messaggi sono stati 4 mila al secondo; poco, in confronto ai 6 mila tweet prodotti dai giapponesi allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre scorso. Un grande business potenziale, per un’azienda che …

Continue reading

Basta che ti sbrighi

Pochi mesi di tempo per chiudere e pubblicare quanti più trial possibile. Così, da gennaio ai primi congressi di primavera si corre: l’industria editoriale si è trasformata in una officina di produzione di reprint dei resoconti delle sperimentazioni cliniche. Fa un certo effetto vedere gli stand congressuali delle industrie tappezzati da display carichi di estratti …

Continue reading

Dai santi e poeti ai navigatori per la medicina

In un’alba così bianca, sul treno per Milano, leggo Lorenzo Moja e Rita Banzi sull’International Journal of Clinical Practice: “Healthcare professionals and providers should start to perceive the function of publishing differently, with publishers as rendering services and vendors”. Uno dei migliori articoli dell’anno, suggerito da Arabella (grazie!), con indicazioni esplicite ma anche significati più nascosti che …

Continue reading

Facebook non è lo spinterogeno: dillo al NEJM

Trecentocinquantamilioni di utenti di Facebook e Twitter: può mancare l’industria farmaceutica dai social network? Se lo chiede il New England Journal of Medicine nel commento Pharmaceutical marketing and the new social media. Caspita quanto sono preoccupati i due autori, Jeremy A. Green e Aaron S. Kesselheim. Il modo in cui i due docenti del dipartimento …

Continue reading

Telemedicina: non sempre funziona

Prendi 1653 pazienti che sono stati recentemente ricoverati per scompenso cardiaco: a casa, metà li segui col metodo tradizionale e metà con un sistema di monitoraggio telefonico che costantemente segnala e registra sintomatologia ed eventuali problemi. Il risultato dello studio di Sarwat Chaudhry et al. pubblicato sul New England è sconfortante: nessuna differenza tra i …

Continue reading