Psichiatria senza frontiere ma ricca di progetti

Uno degli impegni domenicali è l’acquisto del Corriere della Sera e del Sole 24 Ore e ogni volta si rinnova la curiosità di vedere se nella Lettura o nel Domenicale ci sia qualcosa che ripaghi l’investimento: non economico, beninteso, ma dello sbattimento di dover uscire di casa prima che l’edicola chiuda per riaprire il lunedì. …

Continue reading

Se Harvard lavora (solo?) per la BBC

Su cento studenti, a 25 piacerebbe fare ricerca ma, anche tra questi più interessati, solo uno su quattro saprebbe dire come funziona il finanziamento di uno studio. È uno dei risultati di un’indagine su una coorte di allievi della facolta di medicina dell’università di Edinburgo, pubblicato sul Lancet prima dell’estate. La vita da ricercatore è dunque …

Continue reading

Le cene romantiche degli scienziati

Un piccolo tavolino sul mare con i piedi nell’acqua. Polipetti con polenta. Passata di pomodoro col basilico. Polpettine di carne come le preparava la mamma. Contorno di carciofi. Panettone e gelato di crema con le fragole. Niente pane. Se possibile un’insalata di mare. Un menu un po’ scombicchierato e senza stagioni, è il caso di …

Continue reading

L’innovazione è accettare di discutere sempre

Il Ssn può ignorare l’innovazione così come subirla, sostiene Antonio Addis dell’Agenzia sanitaria e sociale emiliana parlando al seminario sulla comunicazione dell’innovazione del 4 e 5 luglio. Di seguito, altre cose interessanti. Il punto di vista di produttori e governi sulle novità tecnologiche continua a essere diverso. Da una parte, si guarda alla sicurezza e …

Continue reading

La caduta di un angelo ribelle

Aaron dead. World wanderers, we have lost a wise elder. Hackers for right, we are one down. Parents all, we have lost a child. Let us weep. Il tweet di Tim Berners-Lee che segue la morte di Aaron Swartz dovrebbe segnare uno spartiacque, tra il prima e il dopo la battaglia per il diritto alla …

Continue reading

A caccia di imbrogli

Ogni anno sono pubblicati circa 1 milione e mezzo di articoli scientifici. Dopo la pubblicazione alcuni di essi sono ritirati: retracted, nell’esperanto del medical publishing. E’ un’eventualità che può essere dovuta ad una riconsiderazione dei dati da parte degli stessi autori. Più spesso, però, è il risultato della valutazione critica dei lettori. In alcuni casi, …

Continue reading

La Roma e gli endpoint surrogati

Se decidi di sperimentare un medicinale per convincere un’agenzia regolatoria ad approvarlo o un medico a prescriverlo dovresti cercare di dimostrarne l’efficacia nel modo più chiaro possibile. Di solito – di norma o per opportunità – il confronto è col placebo. Molto più opportuno sarebbe studiare in parallelo l’efficacia o la sicurezza del farmaco più …

Continue reading

Valutare le tecnologie senza scorciatoie

“La medicina è una scienza imperfetta, un’impresa che si basa su conoscenze in continua evoluzione, su informazioni imprecise e su individui che possono sbagliare proprio quando la vita delle persone è in pericolo”. Non c’è da stare allegri, a dare retta ad Atul Gawande, chirurgo di Harvard che personifica il lato più cool della medicina …

Continue reading