Chi se ne importa della trasparenza

Abbiamo imparato a conoscere il Sunshine act anche in Italia dopo che il Movimento 5 stelle ha promosso un disegno di legge per l’introduzione nel nostro paese di una banca dati che tenga traccia dei passaggi di denaro tra medici e aziende. Il nome è quello del provvedimento legislativo del governo statunitense che pochi anni fa ha aperto …

Continue reading

Calcio, Netflix, rischio relativo e assoluto

Guardare la televisione fa male alla salute? Sembra di sì, a giudicare dagli articoli usciti su un sacco di giornali inglesi e americani poco tempo fa. E’ stato studiato il tempo trascorso a guardare la televisione in 89.278 donne americane arruolate in uno studio molto ampio, il Nurses’ Health Study II. (1) Dei 118 casi …

Continue reading

Linee guida: tre su quattro sono da buttare

Chi deve curare malati ha bisogno di linee guida di pratica clinica basate sui risultati della ricerca clinica condotta in modo serio. Idealmente, le linee guida dovrebbero essere sviluppate attraverso una revisione rigorosa e sistematica della letteratura scientifica, che conduca a una sintesi operativa preparata da persone competenti e indipendenti. In realtà, c’è una pletora …

Continue reading

La fiducia fa crescere l’economia e la felicità

Se smarrisci il portafoglio a Copenaghen, puoi star certo che ti verrà restituito. Come gli altri paesi scandinavi – Svezia, Norvegia e Finlandia – la Danimarca è la culla della fiducia. Circa il 78% dei suoi abitanti ha fiducia nei propri concittadini, mentre in nazioni come la Francia o il Portogallo la media è del …

Continue reading

Il menu? Lo decide l’industria. E anche la critica

Quando tre anni fa qualcuno diceva che i principi del MacDonald stavano sempre più caratterizzando la medicina, ci si riferiva ai quattro elementi del business della catena di fast food: efficienza, misurabilità, prevedibilità e controllo. (1) Non era una buona notizia, come non lo è che la dietologia statunitense stia invece venendo progressivamente influenzata da …

Continue reading

Non c’è alcun conflitto di interessi

Il presidente eletto dell’American society of clinical oncology, Howard A. “Skip” Burris III, ha dichiarato di non avere conflitti di interesse in 50 articoli pubblicati negli ultimi anni, compresi alcuni lavori usciti sul New England Journal of Medicine. Eppure la consultazione della banca dati statunitense che registra i compensi avuti dai medici rivela che ha personalmente …

Continue reading

La sfida della modernità ai conflitti di interesse

Per integrare il finanziamento ai Centers for disease control and prevention (CDC), il Governo statunitense ha messo su una fondazione che si occupa di fund raising e di rapporti con enti, organizzazioni e industrie che abbiano voglia – o ritengano conveniente – finanziare dei progetti dei CDC. Tra i partner già acquisiti ci sono quasi …

Continue reading

“Privato” è bello ma un po’ mi vergogno

E’ finito sul New York Times : José Baselga, uno degli oncologi più famosi del mondo e dirigente del Memorial Sloan Kettering Cancer Institute di New York, si è dimenticato di dichiarare in calce ai propri articoli di aver preso un sacco di soldi dalle più disparate industrie farmaceutiche. Una dimenticanza. Si è pubblicamente scusato dicendo che …

Continue reading