Dalla riforma sanitaria alla medicina industriale

Di questi tempi, quaranta anni fa fu approvata la legge di riforma sanitaria. Una novità straordinaria che l’Italia costruì in decenni di lavoro grazie alla determinazione di persone particolari. Alcune di loro le ho conosciute da vicino,  ascoltande i racconti, i dubbi, le speranze, l’entusiasmo e la prudenza. Giovanni Berlinguer, Alessandro Seppilli, Raffaello Misiti. Erano …

Continue reading

Serve una rivoluzione?

Durante i quindici giorni di vacanza a Diafani, nell’isola di Karpathos in Grecia, ho rubato parecchio tempo a un’amica, Elena Granaglia, per parlare delle tesi di Victor Montori, medico peruviano che lavora come clinico e ricercatore alla Mayo Clinic negli Stati Uniti. Elena è economista, insegna Scienza delle Finanze nella facoltà di Giurisprudenza dell’università di …

Continue reading

La cultura è il superfluo indispensabile

“Leggo poco, studio sempre cose per lavoro. L’ultima cosa che ho riletto per svago è Il castello di Kafka, tre anni fa. Ora che mi dedicherò alla cultura magari andrò più al cinema e a teatro“. Lucia Bergonzoni è il nuovo sottosegretario ai Beni culturali e per presentarsi ha scelto la trasmissione Un giorno da …

Continue reading

Evidence-based medicine: significa ancora qualcosa?

“Evidence based medicine is so much part of the air we breathe it can be hard to remember a time before it. (…) As with democracy and peer review (with apologies to Winston Churchill), evidence based medicine may be the worst system for clinical decision making, except for all those other systems that have been …

Continue reading

Doug, Alessandro e la buona battaglia

La sola cosa alla fine impossibile fu tradurre quel titolo in italiano senza tradire il gioco di parole che lo aveva ispirato. Statistics with confidence diventò assai banalmente Gli intervalli di confidenza, una lettura essenziale che andava a integrare il testo precedente, La statistica nella pratica medica (Statistics in practice), una sorta di libro-manifesto voluto …

Continue reading

Conoscere il mondo attraverso i titoli

[Rebecca De Fiore] “In qualunque altro paese europeo un articolo sull’incontro di oggi sarebbe intitolato Luca Sofri alla Holden con Rivista Studio. In Italia, invece, Sofri attacca i giornali”. Scherza così Luca Sofri, direttore de Il Post, durante l’incontro organizzato – appunto – da Rivista Studio alla Scuola Holden a Torino. Una battuta per riassumere …

Continue reading

Documentalisti: playmaker della conoscenza

Biblioteche e bibliotecari servono alla sanità? Non è una domanda retorica: per molte persone che lavorano nella sanità la risposta è “no, non servono a nulla.” Soprattutto quei bibliotecari e documentalisti che non sono dipendenti di istituti di ricerca ma che resistono nelle aziende sanitarie o in quelle ospedaliere non universitarie. Sì, “resistono”, perché molto spesso quando …

Continue reading

Cochrane, negli anni delle postverità

“Viviamo in tempi pericolosi. Mai tante persone hanno avuto accesso a tanta conoscenza e tuttavia hanno esercitato tanta resistenza all’apprendimento di qualsiasi cosa”. Così Tom Nichols nel libro La conoscenza e i suoi nemici ed è difficile dargli torto. Un sacco di gente crede a vere e proprie sciocchezze ed è orgogliosa della propria ignoranza. Lo …

Continue reading