Covid-19: se non si lavora, si studia

“Non saprei come definirmi” dice Francesca Bosco. È medico dell’ospedale torinese San Giovanni Bosco dove in poco più di due mesi transitano più di 1200 casi sospetti di covid-19. Più di cinquanta medici e 138 infermieri sostengono serie infinite di turni con l’aiuto di decine di operatori sociosanitari e addetti alla sanificazione. A distanza di …

Continue reading

Farmaci, Covid-19 e occasioni mancate

Diversi centri studi internazionali lavorano per mappare le ricerche in corso sulle strategie per contrastare la Covid-19. Una panoramica delle sperimentazioni avviate è stata pubblicata su Twitter da Jesse Burk-Rafel – specializzando della New York University – e sintetizzata nell’illustrazione in basso. Per chi volesse seguirlo, il suo username è @jbrafel Un altro articolo – …

Continue reading

Covid-19 e il fiasco della preparazione

Tutti ad ascoltare conferenze, a leggere libri, ma a cosa serve? Tutti citano Bill Gates e la sua conferenza del 2015, o passaggi di David Quammem nel libro Spillover… C’è poco da fare: siamo sempre e comunque impreparati. “C’è qualcuno che abbia letto il Global monitoring preparedness report dell’Organizzazione mondiale della sanità?” mi chiede Rodolfo …

Continue reading

Covid-19 e WhatsApp

Siamo in 2 miliardi ad usare WhatsApp. Benvenuta dunque l’Organizzazione Mondiale della Sanità che ha appena lanciato ( un nuovo strumento chiamato WHO Health Alert su WhatsApp. “Se scrivi “hi” anumero +41 79 893 1892 su WhatsApp, riceverai un messaggio dall’OMS che comprende un insieme di voci di menu che portano alle ultime informazioni, come …

Continue reading

Buon anno, tra incertezza e rapidità

“L’incertezza è onnipresente in medicina.  (…) Eppure è ignorata, la sua importanza sottovalutata e le sue conseguenze taciute. I cittadini potrebbero essere perdonati per aver considerato i medici depositari di certezza, facendo diagnosi o comunicando ricerche dagli esiti trionfali.  Ma in larga misura, noi partecipiamo alla costruzione di questa illusione e la incoraggiamo.” L’editoriale di Steven Hatch uscito sul BMJ nel …

Continue reading

Editori di “roba grave” e nuovo millennio

L’editore è un mediatore. Chiunque lavori nell’editoria svolge attività di mediazione. Penso a chi lavora sui testi o sulle immagini, a chi produce formazione a distanza, a chi cura le relazioni con i media. Soprattutto al lavoro dell’editor che deve trovare una sintesi tra il modo di esprimersi dell’autore e la capacità o la disponibilità …

Continue reading