Press enter to see results or esc to cancel.

Pe’ scopa’.

[Chiedo scusa a chi potrebbe giudicare inopportuno un “titolo” obiettivamente non elegante.] L’ordinanza del Governo sulla chiusura delle discoteche è l’ennesima evidenza della distanza tra le politiche sanitarie e la vita quotidiana, tra i principî e i bisogni. Tra la composizione delle Commissioni governative e chi abita il Paese e, alla fine, sceglie in merito alla propria salute. È possibile che tra due o tre settimane anche l’Italia si ritrovi nella stessa devastante e drammatica situazione di pochi mesi fa, nell’impossibilità (desiderata?) di riaprire le scuole e con le imprese e i lavoratori smarriti di fronte ad una nuova stagione di radicale incertezza. Perché fino a Ferragosto sulle riviere dovevano essere aperte le discoteche. In fondo… [inserisci il titolo Pe’ scopa’].

Il fallimento politico e sanitario dell’assurda decisione di aver permesso a suo tempo l’apertura dei “locali da ballo” è legato direttamente alla mancanza di una strategia efficiente (generalizzo eh…) del Governo e delle Regioni che abbia almeno provato a moltiplicare l’offerta di spazi e di opportunità “meno rischiosi” di aggregazione culturale e di svago: in sostanza, le discoteche avrebbero dovuto essere “meno necessarie”. Anche d’estate, il territorio dev’essere governato dalla Politica che dovrebbe saper leggere e anticipare i bisogni dei cittadini. Per provarci (almeno) servirebbe uno sguardo più ampio di quello che possono promettere commissioni composte da soli clinici, virologi o igienisti (sì, lo so, ce l’ho a morte con task force, cabine di regia e commissioni…).

Ora che le sale da ballo sono (finalmente) chiuse, il problema lo abbiamo risolto? (“Va beh, il Carnaby Club è chiuso, stasera sto a casa co’ nonna…”) La Politica (anche quella sanitaria) si nutre di progetti e soffre per i divieti. Si dovrebbe basare su un insieme pianificato di “spinte gentili” e non su un improvvisato fare e disfare. Mi sa che manca ancora un bel pezzo di strada. [17 agosto 2020]

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

“Surrounding ourselves with unread books enriches our lives as they remind us of all we don't know.” @nntaleb twitter.com/nachristakis/s…

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…