Press enter to see results or esc to cancel.

Il populismo degli esperti di cui non sentiamo bisogno

“CoViD-19 sta causando la terza grande crisi del periodo post-guerra fredda, dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 e il crollo finanziario del 2008. Questa crisi potrebbe costare un pedaggio maggiore rispetto alle altre due e ha dimostrato i limiti del populismo come metodo di governo. La competenza conta. Le istituzioni contano. C’è qualcosa come la comunità globale. Una risposta illuminata, anche se impopolare, conta. Il sistema deve funzionare nuovamente.” Questa è la conclusione di un articolo molto centrato uscito il 4 marzo 2020 su The Atlantic. (1)

Un altro articolo di oggi (5 marzo) del The Atlantic obbliga ad una diversa riflessione ugualmente importante che riguarda la responsabilità dell’assunzione delle decisioni. Una citazione di Henry Kissinger è particolarmente significativa: “Le questioni più difficili sono quelle di cui non è possibile dimostrare la necessità quando si decide. Agisci sulla base di una valutazione che nella natura delle cose è un tirare a indovinare, circa qualcosa di cui l’opinione pubblica verrebbe a conoscenza solo quando sarebbe troppo tardi per agire, quando già la catastrofe ci avrebbe travolti.”

The most difficult issues are those whose necessity you cannot prove when the decisions are made. Henry Kissinger

Nell’articolo di Simone Pieranni sul manifesto di oggi (3) “si dice che i cinesi abbiano un’anima taoista (quasi sempre sottovalutata in Occidente) e un abito confuciano. L’anima la mostrano spesso nella determinazione a non obbedire, alla legittima aspirazione alla ribellione, alla ‘revoca del mandato’ (la storia cinese è piuttosto ricca di rivolte); il vestito è il riconoscimento di un sistema gerarchico (dalla famiglia allo Stato) in grado di governare non solo gli uomini, ma la natura stessa.” Osservare quanto sta accadendo in Cina ci permette – scrive Pieranni – di valutare la “sua potenzialità di creare nuove dialettiche, nuove forme di governamentalità, all’interno di sistemi non democratici.”

Nuove forme di dialettica e di governo di cui sentiamo un terribile bisogno anche da noi.

Pieranni cita Bruce Aylward, il dirigente dell’Organizzazione mondiale della sanità che – dopo aver maturato una grande esperienza nel contrasto al virus Ebola – è rientrato da poche ore dalla Cina e ha rilasciato un’intervista al New York Times caratterizzata proprio da quei punti interrogativi e da quella incertezza esperta di cui parlava un tempo Kissinger. Ecco una domanda chiave, particolarmente rilevante per l’attualità italiana: “Chiudere le scuole è inutile? No. è ancora un punto interrogativo. Se una malattia è pericolosa e vedi grandi concentrazioni di persone, devi chiudere le scuole. Sappiamo che causa problemi, perché non appena lasci i bambini a casa metà della forza lavoro di un paese deve restare a casa per prendersi cura di loro. Ma con i bambini non si rischia.”

Imitare la risposta cinese probabilmente efficace richiede velocità, denaro, immaginazione e coraggio politico, precisa Aylward. Ma c’è un ingrediente che ha dimenticato di citare: ci sarebbe bisogno di silenzio da parte di chi – ritenendosi un esperto per meriti acquisiti su questioni diverse e magari avvenute nel secolo scorso – farebbe bene a rispettare le decisioni responsabili assunte da chi, nella gestione di questa crisi, sta mettendo realmente a repentaglio la propria credibilità.

  1. Wright T, Campbell KM. The coronavirus is exposing the limits of populism. The Atlantic 2020; 4 marzo.
  2. MacTague T. The coronavirus is more than just an health crisis. The Atlantic 2020; 5 marzo.
  3. Pieranni S. Coronavirus, l’anima taoista e l’abito confuciano. il manifesto 2020; 5 marzo.
  4. Inside China’s all-out war on the coronavirus. New York Times 2020; 5 marzo.

La foto in alto è di Metro Centric ed èè intitolata Scuola. E’ su Flickr Creative Commons. Grazie all’autore!

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

The post-Covid19 priority is to address structural racism, says @MichaelMarmot I strongly hope (but I’m not so confident) the Pan-European Commission on Health and Sustainable Development chaired bu #MarioMonti will take into account Sir Michael’s advice. twitter.com/michaelmarmot/…

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…