Buon anno, tra incertezza e rapidità

“L’incertezza è onnipresente in medicina.  (…) Eppure è ignorata, la sua importanza sottovalutata e le sue conseguenze taciute. I cittadini potrebbero essere perdonati per aver considerato i medici depositari di certezza, facendo diagnosi o comunicando ricerche dagli esiti trionfali.  Ma in larga misura, noi partecipiamo alla costruzione di questa illusione e la incoraggiamo.” L’editoriale di Steven Hatch uscito sul BMJ nel …

Continue reading

La cultura allunga la vita?

Coltivare la passione per l’arte potrebbe allungare la vita. Questi i risultati di uno studio pubblicato sul BMJ che ha studiato l’associazione tra la partecipazione ad attività culturali e la sopravvivenza. (1) Gli autori hanno analizzato la relazione tra coinvolgimento in attività culturali e mortalità in un periodo di follow-up di 14 anni in un …

Continue reading

Una natalizia spinta gentile ai sospettosi

Ha ragione Marco Bobbio: se pensiamo a vaccinazioni o medicina ayurvedica è facile dividere il mondo in persone intelligenti – da una parte – e cretini – dall’altra. Ma basta cambiare argomento e i gruppi si mischiano. Quindi dobbiamo essere prudenti nel dare giudizi e, se non riusciamo ad accettare tutte le opinioni, almeno le …

Continue reading

Riviste: prede e predatrici

“Mi hanno proposto di entrare nel comitato scientifico dell’International Journal of [xyz] Epidemiology. Che dici, mi devo fidare?” La domanda arriva a cadenza regolare: una volta a settimana da amici anche molto seri e informati. Possibile che il fenomeno delle riviste predatrici non sia ancora del tutto conosciuto? I fell into this trap because of …

Continue reading

Imperdibile Twitter

Twitter è uno strumento essenziale per il medico. Lo spiega un articolo di Nature che sottolinea il valore per la condivisione, multidisciplinarità e democrazia.

Continue reading

Responsabilità e accountability

Partiamo dalla seconda: accountability. Qualcuno dice che in italiano si traduce con responsabilità ma i conti non tornano. In inglese, la parola nasce da un verbo (to account: dar conto) e da un sostantivo (ability: essere in grado). Quindi è facile: essere capace di dar conto. I francesi, infatti, traducono con “obligation de rendre des …

Continue reading