Press enter to see results or esc to cancel.

Conflitti di interesse e direttori di riviste

Chi dirige una rivista scientifica ha un grande potere, perché le sue decisioni influenzano l’andamento economico di prodotti, i risultati finanziari delle industrie, le carriere professionali di colleghi. Paradossalmente, la principale missione di un direttore di rivista ha un impatto minore: la possibilità di influenzare il dibattito scientifico. Ugualmente modesta è l’attenzione per l’esposizione degli editor al conflitto di interessi: le decisioni di un direttore di una rivista scientifica devono rispondere a criteri – per così dire – “ippocratici” o piuttosto all’esecuzione di un mandato ricevuto dalla proprietà della rivista, spesso riconducibile a multinazionali profit? A quale codice etico dovrebbe ispirarsi chi lavora nella comunicazione della scienza? L’interesse principale di un medico che fa il medico è il bene del malato, mentre converrebbe ragionare su quale debba essere l’interesse primario del direttore di una rivista di medicina. Sappiamo, infatti, che gli interessi dell’industria editoriale medico-scientifica (che viaggia al ritmo di profitti del 30-32%) e quelli della salute sono divergenti. Less-is-more non è un principio popolare tra chi dirige una rivista di medicina.

Industry payments to journal editors are common and often large. Jessica J. Liu, et al.

Uno studio pubblicato sul BMJ ha messo in evidenza alcuni punti importanti1. Circa la metà delle persone coinvolte nella direzione scientifica di uno dei periodici coinvolti nella ricerca aveva ricevuto alcuni pagamenti nel 2014 in generale e circa un quinto aveva ricevuto pagamenti per la ricerca. Il contributo generale mediano era di $ 11 mentre il compenso medio era di $ 28 136; il contributo mediano per la ricerca era praticamente nullo mentre quello medio era di $ 37 963. I contributi mediani più elevati erano quelli corrisposti a direttori di riviste di endocrinologia ($ 7207), cardiologia ($ 2664), gastroenterologia ($ 696), reumatologia ($ 515) e urologia ($ 480). L’analisi dei 52 siti web dei periodici ha rivelato che le politiche sui conflitti di interesse erano facilmente accessibili (entro cinque minuti) per circa un terzo delle riviste.

Un punto importante da considerare è che nella direzione delle 52 riviste selezionate erano coinvolte ben 713 persone. In un modo o nell’altro, le decisioni sono quindi riconducibili a più di 10 persone per ciascun periodico: viene da pensare che qualsiasi condizionamento nel decision-making sia più “di sistema” che individuale. Ancora: tra i direttori ci sono degli outliers che rendono poco significativi i dati medi, così che anche in questo caso diventa più significativo riferirsi alle mediane. Ebbene, come si è detto la mediana dei compensi ricevuti dai 713 direttori è di soli $ 11 ma, in apertura della Discussione, gli stessi autori ci dicono che più o meno il 50 per cento dei direttori non ha ricevuto pagamenti dall’industria e questo sì, che è un dato sorprendente, perché di solito chi dirige una rivista scientifica “influente” è una persona molto attraente per l’industria e, tutto sommato, l’editoria scientifica sembra riuscire in qualche modo a difendere sé stessa dalle pressioni industriali.

Financial conflicts are common, and must be declared and managed. Virginia Barbour

Meno consolante è la constatazione di una diffusa opacità sulle policy che riguardano i conflitti di interessi: le dichiarazioni degli interessi da parte dei direttori delle riviste sono molto rare. Come spiega Ginny Barbour nell’editoriale che accompagna l’articolo, tra le riviste più conosciute solo il BMJ e PLOS Medicine hanno deciso di pubblicare le dichiarazioni di conflitto di interessi dei direttori. La verità è che i conflitti di interesse interessano a poche persone e, soprattutto, la maggior parte della comunità medico-scientifica ritiene ormai che quella tra sé stessa e l’industria sia una relazione non solo inevitabile, ma anche auspicabile.

Dello studio vanno sottolineati alcuni punti critici. In primo luogo, gli autori hanno deciso di includere nella ricerca riviste definite “influential” e – per sceglierle – si sono affidati a indicatori solo parzialmente in grado di aggirare la componente di soggettività che una scelta del genere comportava. Inoltre, la verifica dei pagamenti ricevuti dai loro direttori è avvenuta attraverso il database dell’Open Payment (OP), la banca dati istituita dal “Sunshine Act” dell’amministrazione Obama. Ebbene, l’OP prevede che siano registrati i pagamenti effettuati dalle aziende «located within the US and/or active within the US». Ma l’editoria scientifica è ormai un business internazionale, planetario, in cui i rapporti non si risolvono solo all’interno di una singola nazione. Infatti, capita quotidianamente che un key opinion leader statunitense sia coinvolto da un’azienda (o, più spesso, da un’agenzia intermediaria di organizzazione congressuale o di pubbliche relazioni) nella partecipazione a un congresso o a un comitato scientifico in un paese europeo. Ebbene, in questo caso non possiamo essere sicuri che il compenso a lui riconosciuto venga puntualmente inserito nel database dell’OP. Ancora: l’OP prevede che siano denunciati solo i pagamenti di industrie farmaceutiche. Ma quelli che provengono da agenzie di continuing medical education? Quelli di industrie alimentari? Quelli riconosciuti da aziende di informatica? Gli autori riconoscono solo alcuni di questi “limiti” nel paragrafo dedicato nella Discussione.

A proposito di immagini, 15 anni fa l’allora direttore del BMJ Richard Smith metteva in guardia sulle liaisons dangereuses tra direttori di riviste e aziende, facendosi ritrarre dal disegnatore della sua rivista come uno dei due amanti a letto poco vestiti. La verità amara è che oggi quel letto è pieno di gente: non soltanto il medico che scrive e il dirigente industriale, ma anche il collega che deve andare in cattedra o il presidente della società scientifica che deve pubblicare. La scrivania – o il computer – dell’editor è il teatro di dinamiche spesso sospette, sempre poco trasparenti, che raramente premiano il merito, che non di rado non promuovono la salute. Ma che non riguardano, purtroppo, solo i rapporti tra medici e industrie farmaceutiche. Volendo restare alla metafora del BMJ, il letto può essere mantenuto non troppo disfatto se alla base della decisione di pubblicare c’è una valutazione di qualità del contenuto. È una regola che vale per tutto e per tutti: industrie, docenti universitari, medici amici. Talvolta si esce più perplessi dalla lettura di un articolo proposto da una “autorevole” Scuola di medicina che da un lavoro del quale è stato preannunciato l’acquisto di reprint da parte di un’industria. Per qualcuno può apparire strano, ma le verifiche attraverso le quali deve passare uno studio sponsorizzato sono spesso più severe di quelle accademiche: una frode editoriale può nuocere gravemente a un’industria mentre un docente universitario può mostrarsi superiore a questo tipo di “incidente”, addossandone la responsabilità al solito specializzando.

In definitiva, la remota possibilità di una soluzione dei problemi dei conflitti di interesse dipende dalla capacità di convincersi che si tratta di una questione di sistema che va ben oltre le relazioni tra medici e industrie.

 

Bibliografia

  1. Liu JJ, Bell CM, Matelski JJ, Detsky AS, Cram P. Payments by US pharmaceutical and medical device manufacturers to US medical journal editors: retrospective observational BMJ 2017; 359: j4619

Questo testo riprende un’intervista realizzata con Giacomo Galletti e pubblicata su Salute Internazionale. http://www.saluteinternazionale.info/2017/12/dialogo-su-editoria-scientifica-e-conflitto-di-interessi/

La fotografia in alto è di Darkday ed è pubblicata su Flickr con licenza Creative Commons.

Comments

1 Comment

Robo

Dottore. Ormai la seguo da tempo, seppur con pause. Lei appartiene a quella parte del sistema medico-scientifico (fortunatamente in buona compagnia) che “si” guarda dentro al sistema e analizza i “bachi”. In questo caso però oltre alla questione del conflitto di interessi con l’industria si aggiunge un problema qualitativo della produzione accademica (qui, onestamente non ho capito dove agisca un eventuale conflitto di interessi). Ma oltre alla ripetuta denuncia dei limiti della produzione editoriale/industriale scientifica, a parte sottoscrivere le campagne tipo All Trials, che cosa si può fare? Il sistema é migliorabile? Oso…riformabile? Come?
P.s. Nel mio piccolo io cerco di essere “l’amante” in quella vignetta, anche se su farmaci a basso costo scaduti di brevetto e riguardo la medicina di base. Sono una minuscola parte del male…


Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

Fabrizio Starace: la lotteria del codice postale fa sì che la presa in carico di una persona con disagio psichico cambi radicalmente da una città all’altra. Perché il @MinisteroSalute non interviene? youtu.be/5ss5l-sr8FY @GiuliaGrilloM5S @maxabbru

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…