Press enter to see results or esc to cancel.

Proteggere i giovani, per tutelare gli anziani

«L’aspettativa di vita è aumentata nel tempo, ma è improbabile che il merito di questo incremento sia della ricerca biologica di base». Ne è convinto John P.A. Ioannidis che ha chiuso con un’agguerrita Viewpoint una lunga serie di contributi usciti sul JAMA nell’arco di nove mesi (1). Piuttosto, l’allungamento della vita media è merito della riduzione dell’abitudine al fumo, del miglior controllo della pressione arteriosa, del contrasto dell’inquinamento, del maggiore esercizio fisico e di un’alimentazione più sana. Se viviamo di più dobbiamo dire “Grazie!” a stili di vita più salutari. Senza dimenticare i risultati di politiche sociali più attente ad una maggiore tutela dell’infanzia e della donna e a una migliore igiene. Altri progressi possiamo attenderceli in un futuro vicino, grazie all’innovazione nelle comunicazioni, nei trasporti e nell’informatica.

Quello del direttore del Meta research innovation center di Stanford sarà pure un “punto di vista” ma è sostenuto da dati difficili da smentire: la disuguaglianza tra i diversi Paesi riflette l’asimmetria del progresso, e le differenze dell’attesa di vita nelle diverse nazioni – e all’interno dei Paesi stessi in base alla geografia della crescita – sono sconcertanti. In Giappone, il 92% dei quindicenni spegnerà almeno 60 candeline ma ne avrà la gioia solo il 66% dei loro coetanei russi. In Inghilterra, dopo gli 80 anni il 60% delle persone descrive la propria salute come buona, molto buona o eccellente e quasi tre donne su quattro – così come l’80% degli uomini – di quell’età non hanno difficoltà a camminare velocemente. Una situazione imparagonabile a quella della maggioranza delle altre realtà mondiali.

Però, nel suo nuovo libro – The health gap (London: Bloomsbury, 2015) – Sir Michael Marmot spiega che qualsiasi intervento si intenda mettere in atto nei confronti della popolazione anziana non dovrebbe essere mirato alla terza età ma ai giovani: «The best way to reduce social inequities in health at older ages is undoubtedly to start at the beginning of life». Motivare a diversi stili di vita, rendere possibili abitudini capaci di proteggere la salute, lavorare a livello politico per un ambiente meno inquinato: questa è la strada per rendere meno difficile il compito del medico alle prese con una complessità altrimenti irriducibile nella presa in carico della salute dell’anziano.

«Invecchiare è un’esperienza multidisciplinare», fa recitare Richard Ford al dépliant di una casa per anziani d’alto bordo nel suo ultimo romanzo (Tutto potrebbe andare molto peggio) e forse per questo arriviamo sempre impreparati ad affrontare la vecchiaia. Ma se la vita è una questione di sottrazioni – ne sono convinti il protagonista del libro e l’amico Eddie, malato terminale – la saggezza del medico sarà sempre di più nella capacità di prendere decisioni che non siano in contrasto con i desideri di chi soffre: la praticabilità di approcci anche invasivi nell’anziano può essere talvolta una buona notizia, ma ancora di più lo è il diffondersi di una cultura della prudenza che riflette sulla ragionevolezza di un’assistenza sanitaria che pretende di essere valutata sulla quantità delle prestazioni effettuate.

«La vita è un lusso di cui pochi vogliono privarsi»: lasciamolo pensare alle case di riposo per ricchi statunitensi.

  1. Ioannidis JPA. Is it possible to recognize a major scientific discovery? JAMA 2015; 314: 1135-7.
Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

In this important work with colleagues from Italy, we examine if price negotiations lead to better alignment between price of cancer drugs and their outcomes. bmjopen.bmj.com/content/9/12/… @AntonioAddis2 @fperrone62 pic.twitter.com/Nohz0Hp733

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…