Impossibile andare controcorrente

“Quel che ci appassiona e diverte nel lavoro editoriale è il proporre prospettive che non coincidono con quelle più ovvie”. Italo Calvino scriveva così nel 1963: erano anni diversi dagli attuali per la letteratura e la critica. Anche per l’editoria e ancheper quello che veniva chiamato il “dibattito culturale”. C’era, quel “dibattito”, mica come adesso. Il riferimento …

Continue reading