Molhem e le foto per i nostri PowerPoint

Con i botti di capodanno arrivano le classifiche. Di ogni tipo. Per lo più si tratta di ranking inutili o taroccati (il Pallone d’oro?). In qualche occasione si rivelano preziose: per esempio, nel caso delle “migliori” fotografie del 2013. Se se ne accorgessero i medici e ne utilizzassero qualcuna per le proprie presentazioni congressuali, ai …

Continue reading

Eiaculazione: può aspettare un minutino?

Si sa: Italians do it better. Proprio perché si sa, l’espressione delle due ragazze nordiche appena scese da un Inter-rail  era doppiamente meravigliata. Più che un cartellone pubblicitario, la pubblicità alla stazione Termini di Roma era un’ammissione di debolezza di venti metri di base. Eiaculazione precoce: parlane col tuo medico. Come a dire: inutile che …

Continue reading

EBM e il bisogno di parlar chiaro al malato

Le sei parole più pericolose per la medicina basata sulle prove sono: “non abbiamo evidenze per sostenere che”. Sono pericolose perché ambigue, dal momento che l’assenza di prove può significare sia che non sono state trovate sia che non sono state cercate. Sono pericolose perché possono indurre sia i medici, sia i pazienti a perdere …

Continue reading

Com’è difficile raccontare la Ricerca

Come ha scritto Elena Cattaneo sul Sole 24 Ore del 10 novembre, l’Italia continua a “essere martoriata da una disinformazione scientifica da regime totalitario. Le decisioni politiche e governative su questioni come staminali, sperimentazione animale, Ogm – prosegue – riflettono un’ignoranza scientifica drammatica.” Per molti anni si è pensato che gran parte delle responsabilità fosse …

Continue reading