Press enter to see results or esc to cancel.

Davvero resistere non serve a niente?

Mio nonno faceva presto: si portava in vacanza tutta la cinquina dello Strega e i vincitori degli altri premi letterari. Ho provato anch’io iniziando con Walter Siti. Altro che distrazione.

 

Libro_spiaggia_piccolajpg

Trecento pagine che descrivono un mondo in mano alla finanza più spregiudicata, sintesi di pratiche mafiose e abilità di gestione dei capitali. Poche regole, vince l’intuizione, il primato va a chi sa leggere in anticipo il percorso della crisi. L’ideale è saperla indirizzare, la crisi, con una visuale priva di confini e di moralità. Ciò che più spaventa è il lavoro di documentazione svolto dall’autore: poche, pochissime invenzioni. “La bella menzogna letteraria è inficiata dalle troppe menzogne che vediamo in giro”, ha scritto Siti su La Repubblica del 19 luglio.

Il dramma è che i personaggi di Resistere non serve a niente sembra di conoscerli. Ne incontriamo spesso, sappiamo come la pensano e in certi casi possiamo prevedere cosa diranno o direbbero a proposito delle questioni che agitano il presente. Come definirebbe il suo lavoro? chiede lo psicoterapeuta al protagonista: “Un’attività basata su una distribuzione ineguale delle informazioni”.

A metà libro, arriva una mail da Ben Goldacre che riporta la dichiarazione del presidente degli industriali farmaceutici statunitensi: una decina di punti esposti con tono allarmato e minaccioso. John Castellani sostiene che i governi europei mortificano l’industria farmaceutica con politiche sanitarie troppo attente alla spesa; che l’industria è il motore della ricerca; che il contenimento dei costi sanitari passa per un uso meno controllato dei medicinali.

Castellani dice che la sanità pubblica e il benessere delle persone malate potrebbero essere messe a rischio da una maggiore trasparenza dei dati non pubblicati che derivano dalla ricerca clinica.

Argomenti surreali: semmai, è proprio la mancanza di trasparenza a frenare la vera innovazione premiando, attraverso la frode e la manipolazione dei dati, ricerche condotte senza alcuno scrupolo scientifico e morale. Truccare la ricerca scientifica nascondendone gli insuccessi è una scorciatoia non più eticamente praticabile.

Proseguendo nella lettura, verso la fine del libro di Walter Siti capisco perché i lavori dello stesso Goldacre – Bad Pharma, ora Effetti collaterali nell’edizione italiana – o di David Healy – Pharmageddon – possano essere stati liquidati come “poco plausibili” da qualcuno. La realtà, scriveva sempre Siti su Repubblica, “ostinata si sottrae a ogni forma bella e ragionevole”. Fuggiamo dal doverci confrontare con l’orrore della realtà, convincendoci che anche la politica, l’economia, il degrado in cui viviamo siano, dopotutto, una fiction. La sistematica contestazione del rispetto della legalità è diventato un esercizio quotidiano così come la rassegnazione a considerare l’illegalità una scorciatoia necessaria.

Tutti siamo esposti alla negazione del primato della legge: davvero resistere ai modelli culturali, economici, morali che ci sono proposti ogni giorno non serve ormai più a nulla?

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

“It is more productive to consider how bad things could get if we keep giving the virus opportunities to outwit us. Then we might do more to ensure that this does not happen.” nature.com/articles/d4158… pic.twitter.com/LR5WyJ1w8M

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…