Press enter to see results or esc to cancel.

L’innovazione è accettare di discutere sempre

Il Ssn può ignorare l’innovazione così come subirla, sostiene Antonio Addis dell’Agenzia sanitaria e sociale emiliana parlando al seminario sulla comunicazione dell’innovazione del 4 e 5 luglio. Di seguito, altre cose interessanti.

innovation_DefinedIl punto di vista di produttori e governi sulle novità tecnologiche continua a essere diverso. Da una parte, si guarda alla sicurezza e al ragguungimento degli standard minimi normativi. Dall’altra, l’attenzione dovrebbe rivolgersi soprattutto ai vantaggi in termini di efficacia. Di fatto, l’industria si limita a dimostrare che un nuovo prodotto non fa male e non è inferiore a ciò di cui già si dispone, mentre il servizio sanitario domanda cure migliori di quelle che oggi si usano.

A proposito di punti di vista diversi: cosa abbiamo in mente quando parliamo di “innovazione”? Quali radicali cambiamenti deve portare? Per quali pazienti? E ancora: con che tipo di confronto? Placebo o trattamenti attivi?  Antonio discute soprattutto cinque punti:

  • Chi valuta l’innovazione? Quali sono le regole e quali gli standard di riferimento?
  • E’ possibile e perché classificare l’innovazione?
  • Ha senso il cosiddetto conditional approval?
  • Perché sarebbe importante migliorare la domanda di interventi clinici efficaci da parte del personale sanitario? Perché, in Italia, le istituzioni pubbliche hanno smesso di aggiornare e “educare” alla appropriatezza?
  • Quanto è importante incentivare la ricerca indipendente per favorire l’innovazione?

Usare e endpoint surrogati favorisce l’innovazione, aggiunge Giuseppe Traversa. Ridurre il numero dei pazienti studiati e abbreviare il tempo degli studi: altro modo per mettere in buona luce le novità. Traversa chiede: “Quando una differenza è statisticamente rilevante?” Le curve di sopravvivenza che confrontano diverse terapie antitumorali sono scoraggianti: poche settimane, nei migliori dei casi, giustificano costi e effetti indesiderati?  Probabilmente no. Quali risposte si dà Giuseppe?

  • Servono test rigorosi prima di approvare un farmaco nuovo
  • L’enfasi della valutazione deve andare sull’efficacia clinica
  • Bisogna stabilire a priori quale entità delle differenze osservate è clinicamente di interesse
  • Dobbiamo imparare a convivere con l’incertezza

Anche da Nello Martini, domande precise: il processo registrativo europeo impone dei vincoli ai singoli Paesi, e quali? Abbiamo, in Italia, un “governo” che garantisca l’equilibrio economico e l’accesso all’innovazione? Abbiamo un sistema di valutazione e rapido accesso ai farmaci innovativi? Abbiamo le risorse economiche per garantire la rimborsabilità dell’innovazione?

Molti temi da discutere. Intanto, la prima innovazione è accettare che sia tutto comunque un discussione.

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

“It is more productive to consider how bad things could get if we keep giving the virus opportunities to outwit us. Then we might do more to ensure that this does not happen.” nature.com/articles/d4158… pic.twitter.com/LR5WyJ1w8M

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…