Non resuscitare

Lauree in Biologia e Chemical Engeneering a Stanford, in Medicina alla Johns Hopkins e dottorato in Sociologia e laurea in Filosofia al King’s College di Oxford. Dopo una “residency” alla Columbia University è tornata alla Clinic di Baltimora, anche se continua a fare avanti e indietro con la Gran Bretagna. Insomma, una tipa esagerata. Elizabeth …

Continue reading

È per fatica di capirti che mi vien da vomitare

“Dai, andiamo via”. Mancava poco alla fine del primo tempo e ancora mi sembra di sentir la mano di mia madre che mi porta verso l’uscita del cinema. A chiudere gli occhi, vedo il nero e via della Conciliazione. Certamente il buio era quello della sala, ma confondo il paesaggio di una Roma cinematografica con …

Continue reading

Un corpo da spiare

Avrò fatto neanche un migliaio di chilometri, con quell’Alfa, che si è accesa la spia. Arancione, proprio sotto al contachilometri, così che non puoi non vederla. Trascorsi dieci anni e duecentomila chilometri, almeno cinque diversi meccanici a giurarmi che no, davvero non è nulla e non c’è da preoccuparsi: là sta, la spia, e là …

Continue reading

Hta "de noantri": meno si fa, meglio è

“Less is more”: vale anche per l’Health Technology Assessment. Perlomeno nella versione “de noantri” alla quale ci stiamo abituando nel nostro Paese. Quali sono i problemi? L’HTA è costantemente messo in relazione alla scarsità di risorse economiche. D’accordo: ci sono pochi soldi in giro. Ma se ce ne fossero di più, valutare interventi e prestazioni …

Continue reading

Hta “de noantri”: meno si fa, meglio è

“Less is more”: vale anche per l’Health Technology Assessment. Perlomeno nella versione “de noantri” alla quale ci stiamo abituando nel nostro Paese. Quali sono i problemi? L’HTA è costantemente messo in relazione alla scarsità di risorse economiche. D’accordo: ci sono pochi soldi in giro. Ma se ce ne fossero di più, valutare interventi e prestazioni …

Continue reading

Servono slides? Fai come Le Corbusier

Quelle diapositive dietro di noi sono dei guardiaspalle: danno sicurezza, indicano la strada dove andare, dettano i tempi, danno il ritmo. Ci illuminano da dietro e nascondono brufoli, zampe di gallina e il tempo che passa. Sono il moderno suggeritore dalla buca, coperta di Linus, oggetto transizionale per ogni relatore. Peccato che ci hanno proprio …

Continue reading

Decidere e sbagliare, ma lasciando una traccia

“Il cervello di un uomo, in origine, è come una soffitta vuota: la si deve riempire con mobilia a scelta. L’incauto vi immagazzina tutte le mercanzie che si trova tra i piedi: le nozioni che potrebbero essergli utili finiscono col non trovare più il loro posto o, nella migliore delle ipotesi, si mescolano e si …

Continue reading