La sicurezza di un Toscano tra le dita

Qualche volta c’è da consolarsi nello scoprire che di una parola inglese non c’è corrispettivo italiano. Prendi stakeholder. Stake: the prize in a contest; a share or an interest in an enterprise, especially a financial share; a personal interest or involvement. Parliamo dunque soprattutto di interessi economici o finanziari, di poste in gioco. Detenute da …

Continue reading

Io vagabondo che son io

Metti l’Io dentro la Rete e può succedere di tutto. “You can have a sense of Self without being oneself” (questa l’ha detta Shirley Turkle). L’Io assume la forma che tu desideri gli altri percepiscano. Oppure può succedere che apparire autentici ed esserlo (autentici) non sia più la stessa cosa. O che il Self diventa …

Continue reading

L'Italia ha due sistemi sanitari

Qual è l’impatto dei grandi network di ricerca sui sistemi sanitari? La risposta arriva da Jeremy Grimshaw, cochair della Cochrane Collaboration alla riunione annuale della rete italiana. Per un brutto scherzo del destino, sede del convegno è l’aula magna del Policlinico di Modena, quello dal quale partivano telefonate come questa: «Sono soldini, facendo una cosa …

Continue reading

Vent'anni di EbM: bambocciona e choosy

Più choosy che bambocciona. Ha passato i vent’anni ed è ancora in casa, questa Evidence-based medicine perenne adolescente. Accolta come un incidente più che come una scelta consapevole dai propri genitori – Medicina accademica e Assistenza al paziente – ha impiegato qualche anno per accettare il proprio nome (medicina delle prove o basata sulle evidenze?) …

Continue reading

Strage da PowerPoint

Manca poco alla fine della stagione congressuale: stringiamo i denti. Gran parte delle migliaia di partecipanti a convegni di ogni ordine e grado (per lo più “terzo”, l’ordine, e basso, il grado) è stata vittima della temutissima sindrome da PowerPoint: una guerra che non fa prigionieri, una strage che accomuna pubblico e relatori. Eppure, le …

Continue reading