Press enter to see results or esc to cancel.

Abolire i congressi? Sì, però…

E’ una cosa che probabilmente non giova alla salute ma difficilmente il vostro medico la criticherà. Parliamo dei congressi medici: 100 mila ogni anno, in ogni parte del mondo. Con l’intensificarsi degli appuntamenti e con la buona stagione, si torna a discutere della loro utilità.

John Joannidis ne ha parlato sul JAMA. I congressi, sostiene, dovrebbero servire per:

  • diffonderne i risultati e far progredire la ricerca
  • addestrare il personale sanitario a specifiche tecniche o procedure
  • formare il medico su argomenti rilevanti
  • definire politiche o percorsi assistenziali basati su evidenze.

Invece, i congressi servono per:

  • divulgare tante informazioni sotto forma di comunicazioni e abstract, non sottoponendole ad una seria revisione critica
  • arricchire il curriculum dei relatori con contributi effimeri che non saranno mai pubblicati
  • alimentare la notorietà di opinion leader funzionali ad una medicina che vive all’ombra dell’industria
  • infarcire i programmi congressuali di simposi satellite (ma non solo: anche di sessioni plenarie) con la partecipazione di relatori pesantemente condizionati da conflitti di interesse.

Questo quadro è confermato dalla lettura di un dossier pubblicato sulla rivista Aboutpharma: si cercano “nuovi modelli” perché il format del congresso è in crisi. Sembra di capire che il primo ad essersi stufato sia il medico, ma la cosa sorprendente è che, invece di andare alle radici del problema, si inseguono soluzioni facendo per lo più affidamento sulla tecnologia: quattro o cinque schermi sul palco (invece di uno), “sistemi wireless per potersi collegare in tempo reale” (in altre parole: dare la possibilità ai partecipanti di stare su Facebook o di scambiare e-mail mentre stanno seduti in platea), sessioni “meet the expert” (sai che novità, soprattutto se l’expert è un KOL ben retribuito dagli sponsor), “webinar e simposi multimediali” (mah)…

Come ha commentato Richard Horton sul Lancet, è molto probabile che tutto ciò faccia del male al paziente. L’unica strada, scrive il direttore, è quella indicata da Lionel Opie e Derek Yellon con il congresso At the Limits che da 14 anni aggiorna non più di 250 medici alla volta in un sobrio teatro di Città del Capo: nessuna pubblicità, nessuna esposizione commerciale, nessun materiale promozionale distribuito.

Spezzare il legame tra industria e educazione continua: è questa la soluzione? Forse. Anche se potrebbe essere una terapia con parecchi effetti collaterali. E’ il parere di Michael A. Steinman, Seth Landefeld e Robert B. Baron che, sul New England, si mostrano preoccupati: se impediamo alle industrie di finanziare l’ECM, non rischiamo di indurle ad investire su attività dis-informative dagli effetti ancora più gravi?

E’ difficile dire: la tentazione è quella di raccogliere uno spunto offerto da Paolo Cornaglia Ferraris in un editoriale sul Giornale Italiano di Cardiologia. “E’ essenziale – scrive – che l’educazione dei nuovi medici subisca un radicale cambiamento. Preveda, cioè, fin dal primo anno, un’educazione a lavorare in gruppo”. Forse una possibile “soluzione” è nell’abbandonare la prospettiva della formazione continua del singolo operatore sanitario a favore di una crescita di sistema che coinvolga l’équipe, il reparto, l’unità operativa: workshop rivolti a gruppi multidisciplinari di operatori abituati a lavorare insieme, in cui convivano medici, operatori del nursing, dirigenti, documentalisti. Un’audience meno interessante per l’industria e in grado, al proprio interno, di sviluppare quelle difese dai condizionamenti esterni così difficili da garantire individualmente.

Il non aggiornamento è un problema di sistema: anche la soluzione dovrebbe essere di sistema.

Fonti:

Ioannidis JPA. Are medical conferences useful? And for whom? JAMA 2012;307:1257-8.

Horton R. Why (some) medical conferences make sense. Lancet 2012;379:1376.

Steinman MS, Landefeld CS, Baron RB. Industry support of CME. Are we at the tipping point? N Engl J Med 2012;366:1069-71.

Cornaglia Ferraris P. Il conflitto di interesse in medicina. G It Cardiol 2012;13:234-5.

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

“It is more productive to consider how bad things could get if we keep giving the virus opportunities to outwit us. Then we might do more to ensure that this does not happen.” nature.com/articles/d4158… pic.twitter.com/LR5WyJ1w8M

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…