Press enter to see results or esc to cancel.

Documentate perdite di tempo

L’iPad è la nostra anima, dice Maurizio Ferraris: riflette il nostro volto ed “è” noi perché al suo interno registriamo tutto: scritture, video, immagini, suoni. L’allievo di Vattimo gira l’Italia sostenendo un’idea interessante: tutti gli aggeggi che abbiamo in tasca, nello zaino o in borsa non servono per comunicare, ma per registrare il nostro stare al mondo. Per costruire la nostra identità rendendoci “responsabili” grazie alla conservazione di tracce di ogni genere.

Avrà pure ragione ma tutta ‘sta registrazione è un problema.

  • Leggere, riflettere e eventualmente rispondere a 100 mail assorbe in media mezza giornata di lavoro.
  • A un’azienda di grandi dimensioni la gestione delle informazioni superflue costa circa un miliardo di dollari l’anno.
  • “Lasciare tracce” via sms, Twitter o con messaggi su Facebook interrompe la concentrazione degli altri: servono 5 minuti per ritrovarla dopo un’interruzione di 30 secondi.

Anche per questo, molte aziende hanno vietato di ricevere alert pubblicitari o mail private sugli account professionali. Così come suggeriscono ai dipendenti di disattivare l’alerting delle mail e dei messaggi in arrivo. Anche l’opzione “Reply all” è sotto processo: meglio evitare preferendo rispondere alle mail selettivamente e in modo personalizzato.

Il sospetto è che questa smania di registrazione abbia come conseguenza una documentalità ingovernabile. Tutti sappiamo lasciare tracce, ma pochi sanno come cancellare quelle inutili. “Getting data is easy, but selecting, storing, indexing, updating, and most importantly contextualizing the information is rather difficult”.

Ha ragione Sven Ehmann: accumuliamo dati che non riusciamo a gestire.

Fonti: Ferraris M. Anima e iPad. Parma: Guanda, 2011

Spira J. Overload! How too much information is hazardous to your organization. NJ: Wiley, 2011.

 

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

There are no specific therapies against #COVID19 in hospital, they will not magically appear in GP clinics or at home.

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…