Press enter to see results or esc to cancel.

Meno musica e più libri per i bambini? Mah …

Fagli spegnere la musica e digli di aprire un libro. Solo così proteggerai tuo figlio dalla depressione. Questo, in estrema sintesi, ci dice una ricerca condotta a Pittsburgh e pubblicata sugli Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine. Ma è improbabile che sia vero.

La ricerca ha confrontato l’effetto di sei tipi di media differenti (televisione e film, musica, videogiochi, internet, giornali e quotidiani, libri) sulla salute psicologica di 106 adolescenti della città statunitense. I risultati non sarebbero incoraggianti e, soprattutto, sono incomprensibili. Il disturbo depressivo maggiore sarebbe associato positivamente (per modo di dire) alla “esposizione alla musica pop” e negativamente alla frequentazione di libri e, in genere, di pubblicazioni a stampa.

Purtroppo, studi come questo sono ripresi dai giornali producendo un effetto a catena; nessuno informa il lettore che i “soggetti studiati” erano 106 (d’accordo che i bambini sono diminuiti, ma vogliamo discutere la rappresentatività del campione?); nessuno spiega che stiamo parlando di bambini di Pittsburg, una città che vive problematiche abbastanza particolari, marginalmente toccata dalla crisi economica, che (tra l’altro) vive in buona misura sull’indotto dalla assistenza e dalla ricerca sanitaria e che – per esempio – garantisce agli insegnanti una delle retribuzioni più elevate negli Usa.

Una città dove il 20 per cento della popolazione ha meno di 18 anni che può godersi uno dei Children’s Museum più famosi del mondo. Dove però, ai piccoli visitatori, vengono proposte delle Lunch Box con delle scelte terrificanti:

  • Peanut Butter and Jelly
  • Cheese Sandwich
  • Hot Dog
  • Turkey & Cheese Sandwich

Perché non si occupano di questo, piuttosto, i pediatri e gli psichiatri di Pittsburgh?

Fonte: Primack BA, et al. Using ecological momentary assessment to determine media use by individuals with and without Major Depressive Disorder. Arch Pediatr Adolesc Med 2011;165:360-5. doi:10.1001/archpediatrics.2011.27

 

 

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…