Press enter to see results or esc to cancel.

Occhialuti, emaciati e racchie

La lettura non fa figo, non è cool. Accidenti: chi scrive così? Giovanni Solimine. Ma no: il direttore della più accademica delle testate, Libri e Riviste d’Italia? Ma chi, quello che era presidente dell’Associazione Biblioteche?

Ci si mette pure Laterza ad avvertirci: quasi a dire, “ehi, tu, guarda che leggere non ti conviene mica, eh?” Infatti, così presenta “L’Italia che legge“, il nuovo libro di Solimine: “Occhialuto, emaciato, con difficoltà a relazionarsi con gli altri, se è un uomo. Se donna, anche racchia e un po’ snob.” Andiamo bene.

(prova a fare una search su Google Images con la stringa: <emaciato occhialuto racchia>: escono cento copertine del libro di Solimene…)

Diminuiscono i lettori tra gli italiani poveri (ormai la maggioranza). Si legge al Nord molto più che al Sud. Si allarga la forbice tra i pochi che leggono e i tanti che non lo fanno. La lettura è collegata alla produzione di ricchezza; è una vecchia storia: ci vorrebbe più PIL per tutti. I bambini leggono tanto. Gli adolescenti la metà dei fratelli minori. Dopo l’università e successivamente all’iscrizione all’albo, anche i professionisti iniziano a leggere sempre meno.

La questione riguarda anche i medici che però, di questo passo, potranno presto disporre di una rivista a testa: nessuno perde più tempo a contare i periodici scientifici (23 mila? 25 mila? … ecchissenefrega) il cui proliferare conferma che quello della medicina è più un ambiente di autori che di lettori. Per esempio, chi si sentirà di fare a meno del neonato Journal of Rural Neurology? Chi resisterà alla tentazione di sottoporre alla rivista un lavoro sperimentale sulla relazione tra sindrome di Korsakov e coltivazione di Shiraz in valle d’Acate?

Leggere non sarà figo ma scrivere sì e, per la logica del “publish or perish”, l’impatto delle istituzioni cresce solo se si produce letteratura scientifica con distaccata determinazione. Ci vuole l’approccio giusto, insomma: la presa per il cool.

Guarda l’intervista a Solimine su YouTube.

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

Cosa stiamo imparando da #COVID19? Nei prossimi giorni uscirà l'intervista a @MedBunker su cosa dovrebbe cambiare nella comunicazione scientifica. Qui una piccola anticipazione. @dottoremaevero @RobiVil @lucadf pic.twitter.com/eW1NUdhqvk

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…