Press enter to see results or esc to cancel.

Fidarsi è bene, ma…

Qualcuno incredulo, altri perplessi: a sapere che le grandi multinazionali dell’editoria STM (Scientific Technical Medical) erano le sole industrie con quelle farmaceutiche a maturare utili a doppia cifra, diverse persone in ambito clinico e di ricerca restavano sorpresi o contrariati. Oggi che per Big Pharma le cose sono (in parte) cambiate, l’editoria STM avverte anche lei qualche difficoltà?

Il numero di nuovi farmaci immessi sul mercato diminuisce ogni anno. Questa è la ragione principale della sofferenza degli editori scientifici, direttamente colpiti dal drastico ridimensionamento degli investimenti promozionali dell’industria farmaceutica sui media tradizionali. Niente più advertising ed è un peccato; oltre ad aver contribuito a fare la storia della grafica editoriale specializzata, le pagine pubblicitarie dei medicinali hanno il pregio di essere una forma di promozione trasparente, come sosteneva Richard Smith in un “testa a testa” sul BMJ: “The central argument for carrying advertising in medical journals is independence. Ironically, the main argument against may also be independence, but you can place greater trust in a journal that carries advertising than one that does not.”

“Trasparenza” è proprio quello che manca, nell’editoria scientifica di oggi: non a caso i direttori delle riviste del gruppo del Lancet hanno annunciato uno sforzo congiunto per combattere il diffusissimo fenomeno del ghost writing, plagi e frodi. Difficile che riescano nella loro impresa, per almeno due ragioni. Da una parte, sono proprio queste condotte eticamente inaccettabili a sostenere l’economia del segmento editoriale STM. Dall’altra, sono gli stessi gruppi editoriali a proporre alla clientela farmaceutica ogni possibile forma di comunicazione sponsorizzata con il medico.

Il punto critico è che le vie di mezzo sono rischiose. Come diceva Stephen Lock, direttore del BMJ negli anni Settana, “trust is an on/off switch”. La fiducia non ammette indecisioni: o c’è, o non c’è.

Ne abbiamo parlato in un incontro a Roma insieme al Gruppo Indipendente per lo Studio dell’Assistenza Primaria (vuoi vedere il sito del GISAP?).

Leggi il PDF della “lezione” del workshop sulla La letteratura scientifica

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

The post-Covid19 priority is to address structural racism, says @MichaelMarmot I strongly hope (but I’m not so confident) the Pan-European Commission on Health and Sustainable Development chaired bu #MarioMonti will take into account Sir Michael’s advice. twitter.com/michaelmarmot/…

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…