Press enter to see results or esc to cancel.

Woody Allen, Monopoli e i nostri malesseri

Un articolo surreale di Woody Allen sul New Yorker spiega come i soldi possano dare la felicità. O forse è un’illusione: è Monopoli.

Woody narratore è più stralunato di un adolescente che ha appena imparato a rollare; stasera, però, la provocazione più che nella breve trama è nel titolo, che pretenderebbe che i soldi comprassero la felicità. E’ un luogo comune, che oggi appare tanto vero e confermato quanto stonato, ridicolamente fuori luogo. Il pensiero è a un paese preso in giro da chi, con il denaro, pensa di poter ottenere qualsiasi cosa: in meno di una settimana, è stata derisa la dignità dei lavoratori della più rappresentativa fabbrica italiana e umiliata la condizione faticosamente raggiunta da milioni di donne italiane. Il denaro e due simili forme di ricatto, che fanno leva sulla povertà e la precarietà.

Il paradosso descritto da quel genio di Woody Allen (della serie: se hai culo e costruisci su Parco della Vittoria e Viale dei Giardini non ce n’è per nessuno e neanche si discute) è davvero difficile credere possa resistere alla prova della vita reale. Del mondo concreto. Della vita vera, di tutti i giorni, quella che vive la gente. Invece…

Invece parli al mattino con il responsabile della biblioteca di una grande università italiana che dice: “non abbiamo più fondi, anche mille euro per noi sono troppi per garantire l’accesso alle vostre 20 riviste ai 291 docenti della facoltà”. E di sera sei di fronte alla notizia dei 5000 euro avuti da una ragazza per prestazioni sessuali (vere? immaginate? reali? sognate? presunte?) con persone importanti (Lele Mora: “importante”?).

Poveri, noi: leggi il libro di Marco Revelli, vale la pena (costa dieci euro, tra l’altro). Intorno a noi convivono moderno, postmoderno e premoderno: slanci di innovazione, speranze di avanguardia, arretratezze imbarazzanti. “Un paese – scrive Revelli – nel quale una parte consistente della popolazione cessi di considerare diritto pubblicamente garantito la propria aspirazione a una vita degna, finisce inevitabilmente per trasformare il gioco sociale e politico in uno scambio diseguale, tra chi è costretto a chiedere ‘protezione’ e chi, in cambio, pretenderà ‘fedeltà'”.

Seguendo ciò che accade capiamo meglio cosa vuol dire Revelli quando parla della condizione che in tanti percepiamo di “povertà mentale”. Qualche volta è indipendente dalla oggettiva povertà economica: è una sensazione di malessere che prova “chi è declinato credendo di crescere”.

Tags

Comments

1 Comment

simona

…un bell’aiuto, il martedì mattina, trovare Ldf, un aiuto per non farsi solo sopraffare dal disgusto e dal malessere indotti dagli accadimenti. un invito ad approfondire, riflettere e a reagire…
simona


Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

Il vaccino non arriverà mai a dicembre, come sta dicendo Conte alla stampa senza contraddittorio. Serve serietà da parte di tutti. Ci sono stati morti, ce ne saranno, c'è un paese in ginocchio.

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…