Press enter to see results or esc to cancel.

Impegni mantenuti e promesse elettorali

Ho sempre pensato che gli americani siano avvantaggiati. Nel mio immaginario vanno a letto tardi, guardano le assurdità italiane e sanno cosa fare l’indomani: l’opposto. Deve essere successo così, in questo passaggio stagionale, con gli Stati Uniti già in primavera e noi ancora al gelo di un inverno che sembra non finire.

Il voto del Congresso statunitense è un’altra pietra fondante del sogno americano, ha detto Barack Obama. Non siamo sfuggiti alle sfide della crisi degli ultimi mesi, le abbiamo affrontate e superate. “Non ci siamo sottratti alle nostre responsabilità, le abbiamo accettate. Non abbiamo avuto paura del futuro: gli abbiamo dato forma”.

Poche ore prima, in una piazza romana, il comizio del presidente del consiglio italiano era interrotto dal leader della Padania: “Parlavamo di donne”, si è giustificato prima di riprendere il discorso per annunciare di “voler sconfiggere il cancro” nei tre anni che precedono la fine della legislatura.

Health care is not a civil right, it’s a moral issue“, ha dichiarato oggi Patrick J. Kennedy, onorando la memoria del padre Edward, grande paladino della riforma sanitaria statunitense. Sarà per questo che sembra così sdridente che, di questioni così delicate che toccano nel vivo il vissuto di milioni di italiani, parli il capo di un governo che ha ridotto gli investimenti per la ricerca al punto di suscitare commenti di questo tipo su una rivista della notorietà di Nature: “E’ molto grave per la comunita’ scientifica cronicamente sofferente per la mancanza di finanziamenti che il Governo italiano abbia deciso di affrontare la crisi finanziaria tagliando i fondi per la ricerca, l’innovazione e l’istruzione e che il sistema di distribuzione dei finanziamenti pubblici usi modalità meno trasparenti di quelle che dovrebbero essere. Auspichiamo che tutti gli scienziati italiani e coloro che si occupano di ricerca di base protestino per l’insostenibile atteggiamento del Governo verso la ricerca. A nostro avviso, il rischio di essere posti al margine della scena scientifica internazionale è reale”.

Comments

2 Comments

Franco Anedda

Obama è stato messo al suo posto per tutelare le lobby predatorie USA: la sua “riforma” ne è un’ulteriore prova.
http://www.chicago-blog.it/2010/03/23/lobamacare-o-dello-statalismo-demagogico/

Berlusconi taglia tutto quello che lo Stato non è più in grado di finanziare (tranne le ruberie)i tagli sulla ricerca sono il suo peccato più veniale.
Se riconvertiamo tutta la nostra economia sul turismo e l’agroalimentare biologico possiamo evitare il declino.
La ricerca scientifica la faranno cinesi ed indiani per poi passare le vacanze da noi.

Quinto Tozzi

Non credo che uno come Berlusconi dica le cose a caso (mi riferisco alla per noi evidente panzanata della sconfitta del cancro in tre anni). E’ troppo grossa!
Il motivo credo sia da trovare nel fatto che nella Massa delle persone c’e una percentuale non indifferente che in fondo ci crede o quasi. Questi sono il suo vero target, gli altri con spirito critico o con fonti di informazione diversi dai media “tradizionali” non gli interessano. La logica e’: conviene dire cazzate (per poi farle smentire dicendo che e’ sta frainteso dai giornalist o da chi non lo ama) se queste vengono poi credute o non ritenute tali da un folto numero di persone che costituisco lo zoccolo duro ed acritico del suo consenso.
E’ una semplice ed efficace tecnica di manipolazione delle masse cosi’ come l’invisibile controllo dell’informazione (su cui la gente comune italiana che.non legge i giornali ma guarda la tv) forma e basa poi le sue opinioni e quindi i suoi comportamenti.
L’errore che credo commettiamo e’ quello di crederlo uno strafalcione quasi involontario detto in pieno delirio di onnipotenza.
In realtà credo sia una sottile strategia i cui fini non sono (anche se sembrano) evidenti ed in cui anche chi ride delle evidenti cazzate svolge involontariamente un ruolo attivo.
Mi auguro di sbagliare interpretazione .


Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

Va beh, mi hanno invitato a farlo girare... So’ ragazzi, questi di @forwardRPM , come fai a dirgli di no? twitter.com/forwardrpm/sta…

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…