Press enter to see results or esc to cancel.

La medicina sul web

Medico che telefona

E’ appena nato e il Lancet l’ha già battezzato: il Google per le linee guida. Il vero nome sarebbe NHS Evidence e anche un commento di Gillian C. Leng, sullo stesso settimanale inglese, lo paragona a Google. Anche qui trionfa il bianco ma il valore aggiunto sarebbe nella valutazione di qualità delle informazioni incluse nel database (molto meglio dell’algoritmo di Page e Brin, dicono). La quadratura del cerchio? Può darsi, anche se due super-espertissimi KOL dell’Ebm come Jack Hirsh e Gordon Guyatt avvertono: i conflitti di interesse sono un rischio reale anche nelle pubbliche istituzioni (quindi, attenzione a ciò che ci suggerisce anche la risorsa neonata…).

Il punto è sempre lo stesso: come trovare sul web ciò che ci serve? Ne abbiamo discusso nel corso che ha (anche) messo a confronto Medline (e quindi Pubmed, ma non solo) e Google, a Roma l’8 maggio. Il prossimo appuntamento è a Reggio Emilia venerdì 22 (caspita: tutti i posti esauriti, dice il sito della Biblioteca della ASL…).  Le cose di cui discutere, in realtà, sono tante; il punto non è tanto se usare Pubmed o Google, quanto saper tradurre i propri interrogativi in domande che abbiano un senso, saper valutare le informazioni che troviamo, essere consapevoli che anche le riviste più accademiche stanno cambiando (guarda la presentazione La Medicina sul web). Se non lo abbiamo già fatto, dobbiamo rassegnarci a cambiare anche noi.

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

In this important work with colleagues from Italy, we examine if price negotiations lead to better alignment between price of cancer drugs and their outcomes. bmjopen.bmj.com/content/9/12/… @AntonioAddis2 @fperrone62 pic.twitter.com/Nohz0Hp733

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…