Press enter to see results or esc to cancel.

Le glosse sul Codice Reggiano

immagine-261Che bella, la biblioteca Corradini della Asl di Reggio Emilia. Possiede un Fondo antico ricco di opere settecentesche ma non solo; anche codici quattrocenteschi composti e decorati da amanuensi. Uno in particolare, splendido per le decorazioni a foglia d’oro, con la particolarità dei cosiddetti “segni di richiamo” apposti in inchiostro seppia a margine del testo. E’ il prologo delle più moderne “glosse”; le “soglie” del libro godono di vita propria, sia se ad annotare è il lettore, sia se è lo stesso copista.

Segno di richiamo nel Codice 400_tescoSuccessivamente, agli albori del Cinquecento, gli incunaboli (i libri in fasce, i libri appena nati, in culla …) avranno “segni di richiamo” direttamente apposti a stampa, per lo più dita ad indicare passi salienti del testo.

Nel codice Reggiano, però, alle manine che segnano il libro si associano note, con grafìa minuta, precisa, virtuosismo di lettore appassionato.

Comments

1 Comment

RITA I.

Il libro in questione è il seguente:
AVICENNA (980? -1037)
[Canonis libri V.Traduzione in latino di Gerardus Cremonensis]. Patavii. s.t. [i.e.Joahannes Herbort], 1479. [434]pp., fol. (41×29)
Questa è la quarta edizione impressa nel quattrocento dell’opera capitale di medicina del celebre filosofo e medico arabo Avicenna, vissuto a cavallo dell’anno mille.
Nonostante le molte edizioni, l’opera è di tale rarità che nessuno dei 28 esemplari conosciuti al mondo e citati dal “Gesamtkatalog” è posseduto in Italia.
Beh, la Biblioteca Medica dell’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia ce l’ha, insieme a molte altre opere di materia medica conservate nel suo prezioso Fondo Antico.


Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

Va beh, mi hanno invitato a farlo girare... So’ ragazzi, questi di @forwardRPM , come fai a dirgli di no? twitter.com/forwardrpm/sta…

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…