Press enter to see results or esc to cancel.

Twitter e Facebook inibiscono i sentimenti?

laptop-sospesoUscirà la prossima settimana sui Proceedings of the National Academy of Science (PNAS) come “early release online” un articolo di ricercatori della University of Southern California che hanno studiato con metodiche di imaging cerebrale le reazioni neurologiche di utenti volontari di siti di social web. I risultati sembrano dimostrare che il formarsi di giudizi morali richiede un tempo che il susseguirsi incessante di informazioni e notizie non riesce a garantire. “Quando entrano in ballo le emozioni, ha dichiarato Antonio Damasio, primo autore della ricerca e direttore del Brain and Creativity Institute dell’Università americana, l’unica cosa che possiamo dire è: non così in fretta”. Secondo Manuel Castells, che insegna Sociologia nella stessa Università, si tratta di uno studio destinato a lasciare il segno nella comprensione dei meccanismi della percezione umana nell’ambiente della comunicazione digitale.

Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tweet

Voi adesso andate in edicola e comprate @Internazionale e leggete anche la pubblicità. Quella che trovate in quarta di copertina, di @nen_energia, perché è scritta bene. Molto bene. pic.twitter.com/y4ANTT6Exp

Tag Cloud

Luca De Fiore

Comunicare la salute e la medicina:
tutto quello che vorresti chiedere ma hai paura di sapere. E nemmeno sai tanto a chi chiedere…