Narrare, senza raccontarci storie

Amiamo le storie perché ci rassicurano, ci confortano nella loro prevedibilità. A «scoprirlo» è stato Kurt Vonnegut (ma ancora molto prima Vladimir Propp a proposito delle fiabe. Il primo grafico a sinistra, in basso, è uno dei plot ricorrenti, una delle «forme delle storie» raccontate da Vonnegut. Anzi, è forse la forma per eccellenza, quella …

Continue reading

Gli “avvisi ai naviganti” e l’importanza delle storie

“La fine delle storie”, titola l’articolo di Walter Siti su Repubblica del 19 luglio. “L’invenzione è sottoposta a usura e rischia l’entropia; la bella menzogna letteraria è inficiata dalle troppe menzogne che vediamo intorno. (…) Se vogliamo raccontare le cose come stanno, allora non possiamo inventare”. Siti scrive di una contaminazione, quella tra romanzieri che …

Continue reading

Gli "avvisi ai naviganti" e l'importanza delle storie

“La fine delle storie”, titola l’articolo di Walter Siti su Repubblica del 19 luglio. “L’invenzione è sottoposta a usura e rischia l’entropia; la bella menzogna letteraria è inficiata dalle troppe menzogne che vediamo intorno. (…) Se vogliamo raccontare le cose come stanno, allora non possiamo inventare”. Siti scrive di una contaminazione, quella tra romanzieri che …

Continue reading