EBM e il bisogno di parlar chiaro al malato

Le sei parole più pericolose per la medicina basata sulle prove sono: “non abbiamo evidenze per sostenere che”. Sono pericolose perché ambigue, dal momento che l’assenza di prove può significare sia che non sono state trovate sia che non sono state cercate. Sono pericolose perché possono indurre sia i medici, sia i pazienti a perdere …

Continue reading

Critica, narrazione, riflessione. Anche slow

Ventiquattro ottobre del 1976. “Ci siamo chiesti: ma se lo spazio della cultura convenzionale, acritica, conformista è così stabilmente occupato, perché non crearne un altro – pur rischioso ma per noi stimolante come il primo lo è per i bramini e i loro sudditi – critico, alternativo, nuovo? Così è nato il progetto, l’abbozzo di …

Continue reading

Riportare la salute al centro della sanità

Mangiare meno formaggio. Non andare in moto a fare la spesa. Arrivare alla partita di calcetto in tempo per fare il riscaldamento. Evitare di dormire a pancia sotto. Appena fa meno freddo, fare un’ora di corsa alla settimana. Ecco la mia “top five list”. Qualcosa del genere la propose Howard Brody alla medicina statunitense un …

Continue reading

Se la gente è slow e le popolazioni meno

Cosa c’entrerà Eric Hobsbawm con il mondo di Slow Medicine? Molto probabile che non ci azzecchino nulla. Ad eccezione di una sensazione, simile a quei momenti che due grandi pensatori del secolo breve – Freud e Guccini – definirono felicemente come “déjà vu”. Tutto – beh, tutto è una parola grossa – nacque dalla polypill; …

Continue reading