La verità mi fa male, lo so

Siamo entrati in una fase nuova. Meglio: ci siamo finalmente accorti di essere entrati in una fase nuova. A sancire la discontinuità sono due eventi di indiscutibile diversa portata ma legati tra loro. Donald Trump è il presidente eletto degli Stati Uniti. Post-truth è la parola dell’anno 2016 a giudizio dei curatori dell’Oxford Dictionary, che …

Continue reading

Illegalità nella ricerca clinica

Si sta rompendo tutto. Il primo ad apparire sfasciato è stato il sistema della ricerca clinica sostenuta dall’industria (1) seguito a ruota dal medical publishing (2). L’ultima in ordine di tempo è stata la evidence-based medicine (3). Che le tre cose fossero legate lo pensavano in molti ma c’è voluta la lucidità e la sfrontatezza di Trisha …

Continue reading

Quanto costa stare male

Nel 2015, la casa farmaceutica Amgen ha aumentato il prezzo dell’antinfiammatorio Enbrel del 26 per cento. Pfizer ha ritoccato del 10,6 per cento medio il prezzo di 60 medicinali nel suo listino. Ron Cohen, dirigente della Acorda Therapeutics spiega così queste decisioni: “Our way of insuring that we can survive and develop these programs and …

Continue reading

Viviamo meno da sani e più da malati

Cento chilometri di Raccordo anulare. Andata e ritorno tra casa e Marriott, sulla collina che sta per franare sulla Roma-Fiumicino. Tra Auchan e il centro direzionale Alitalia si alternano i caccia in bilico dallo sfasciacarrozze, le palme capitozzate dal punteruolo rosso, il Tevere gonfio sulla diga a Flaminio, l’area di servizio Selva Candida interna ed …

Continue reading

EBM e il bisogno di parlar chiaro al malato

Le sei parole più pericolose per la medicina basata sulle prove sono: “non abbiamo evidenze per sostenere che”. Sono pericolose perché ambigue, dal momento che l’assenza di prove può significare sia che non sono state trovate sia che non sono state cercate. Sono pericolose perché possono indurre sia i medici, sia i pazienti a perdere …

Continue reading

Critica, narrazione, riflessione. Anche slow

Ventiquattro ottobre del 1976. “Ci siamo chiesti: ma se lo spazio della cultura convenzionale, acritica, conformista è così stabilmente occupato, perché non crearne un altro – pur rischioso ma per noi stimolante come il primo lo è per i bramini e i loro sudditi – critico, alternativo, nuovo? Così è nato il progetto, l’abbozzo di …

Continue reading

Riportare la salute al centro della sanità

Mangiare meno formaggio. Non andare in moto a fare la spesa. Arrivare alla partita di calcetto in tempo per fare il riscaldamento. Evitare di dormire a pancia sotto. Appena fa meno freddo, fare un’ora di corsa alla settimana. Ecco la mia “top five list”. Qualcosa del genere la propose Howard Brody alla medicina statunitense un …

Continue reading

Se la gente è slow e le popolazioni meno

Cosa c’entrerà Eric Hobsbawm con il mondo di Slow Medicine? Molto probabile che non ci azzecchino nulla. Ad eccezione di una sensazione, simile a quei momenti che due grandi pensatori del secolo breve – Freud e Guccini – definirono felicemente come “déjà vu”. Tutto – beh, tutto è una parola grossa – nacque dalla polypill; …

Continue reading