Decidere e sbagliare, ma lasciando una traccia

“Il cervello di un uomo, in origine, è come una soffitta vuota: la si deve riempire con mobilia a scelta. L’incauto vi immagazzina tutte le mercanzie che si trova tra i piedi: le nozioni che potrebbero essergli utili finiscono col non trovare più il loro posto o, nella migliore delle ipotesi, si mescolano e si …

Continue reading

La più intelligente era la sala

Metti cinquecento persone in una sala e non riesci a distinguerne i volti. Ho provato questa sensazione venerdì scorso a Bologna, durante la giornata organizzata per ripartire con un anno migliore tra solo una quindicina di giorni. “Devi cambiare gli occhiali, sei in un’età critica”. Vero, devo cambiare gli occhiali. Queste, di lenti, mi hanno …

Continue reading

Numeri da circolo

Settantacinque numeri nelle prime cinque pagine del paragrafo di apertura del nuovo libro di Eric Topol. Dai cinquecento milioni di cellulari di 10 anni fa ai tre miliardi di oggi. Dal miliardo di utenti di Facebook ai 1,5 trilioni di messaggi mandati ogni anno sullo stesso social network. Dai 103 miliardi di pagine viste sul …

Continue reading

HTA sull'HTA

La valutazione delle novità in sanità avviene solitamente a partire dalla offerta di nuovi dispositivi, medicinali o strumentazioni da parte dei produttori. E questo pressing dell’industria innesca a sua volta una domanda di tecnologia da parte di medici o dirigenti che percepiscono la mancata introduzione di “innovazione” nella propria pratica professionale come una sorta di …

Continue reading

Chi ricerca usa Twitter più Facebook

Su Repubblica del 13 agosto Maurizio Ferraris scrive sulle “comunità documentali”: Facebook è l’emozione e Twitter la ragione. L’urgenza di semplificare aumenta col caldo agostano? Uno studio del Charleston Observatory, Social media and research workflow  (University College of London e Emerald, dicembre 2010) ci dice qualcosa in più di come gli strumenti del social web sono …

Continue reading

Scilipoti e le campane di cristallo

“È una frode pericolosa che sanno vendere molto bene”, sostiene su Internazionale Steven Salzberg, un biologo dell’università del  Maryland a College Park, parlando della medicina alternativa. “Quando una cosa funziona, non è poi così diicile dimostrarlo. Queste persone cercano da anni di dimostrare che le loro cure alternative funzionano, e non ci riescono. Ma non …

Continue reading

London Calling: sarà mica il Lancet?

Creatività, individualismo, approccio anti-establishment: tre caratteristiche che la musica punk ha sempre esaltato, ma che sono comuni anche a una categoria professionale apparentemente assai lontana da ragazzi con i capelli a cresta e giubbotti con le borchie: i ricercatori scientifici. O almeno così sostiene un divertente articolo pubblicato dalla rivista The Scientist. Spiega Bill Cuevas, …

Continue reading

Impegni mantenuti e promesse elettorali

Ho sempre pensato che gli americani siano avvantaggiati. Nel mio immaginario vanno a letto tardi, guardano le assurdità italiane e sanno cosa fare l’indomani: l’opposto. Deve essere successo così, in questo passaggio stagionale, con gli Stati Uniti già in primavera e noi ancora al gelo di un inverno che sembra non finire. Il voto del Congresso …

Continue reading