Apps entusiasmanti realmente inutili

“Mi alzo, faccio una doccia e siedo al computer. Faccio una meditazione di un quarto d’ora, poi rilevo i miei parametri vitali e li trascrivo su Excel. Polso, pressione, glicemia e peso: una volta alla settimana di mando al mio medico. Sono dieci anni che lo faccio; ho il diabete da quando avevo 42 anni …

Continue reading

Non resuscitare

Lauree in Biologia e Chemical Engeneering a Stanford, in Medicina alla Johns Hopkins e dottorato in Sociologia e laurea in Filosofia al King’s College di Oxford. Dopo una “residency” alla Columbia University è tornata alla Clinic di Baltimora, anche se continua a fare avanti e indietro con la Gran Bretagna. Insomma, una tipa esagerata. Elizabeth …

Continue reading

Un corpo da spiare

Avrò fatto neanche un migliaio di chilometri, con quell’Alfa, che si è accesa la spia. Arancione, proprio sotto al contachilometri, così che non puoi non vederla. Trascorsi dieci anni e duecentomila chilometri, almeno cinque diversi meccanici a giurarmi che no, davvero non è nulla e non c’è da preoccuparsi: là sta, la spia, e là …

Continue reading

Hta "de noantri": meno si fa, meglio è

“Less is more”: vale anche per l’Health Technology Assessment. Perlomeno nella versione “de noantri” alla quale ci stiamo abituando nel nostro Paese. Quali sono i problemi? L’HTA è costantemente messo in relazione alla scarsità di risorse economiche. D’accordo: ci sono pochi soldi in giro. Ma se ce ne fossero di più, valutare interventi e prestazioni …

Continue reading

Hta “de noantri”: meno si fa, meglio è

“Less is more”: vale anche per l’Health Technology Assessment. Perlomeno nella versione “de noantri” alla quale ci stiamo abituando nel nostro Paese. Quali sono i problemi? L’HTA è costantemente messo in relazione alla scarsità di risorse economiche. D’accordo: ci sono pochi soldi in giro. Ma se ce ne fossero di più, valutare interventi e prestazioni …

Continue reading