Cure fast o slow: cosa ci riserva il 2016?

Si può provare disagio nel leggere la storia dei coniugi Mary e Richard Padzur sul New York Times. Mary è morta il 24 novembre per un carcinoma ovarico. Rick è stato per 16 anni chief oncology della Food and Drug Administration (FDA). Da quando la moglie si è ammalata di cancro le approvazioni dei nuovi medicinali …

Continue reading

Cardiologi aggressivi coi colleghi e non coi pazienti

Un medico inglese ogni tre è stato oggetto di comportamenti rudi o aggressivi da parte di colleghi. I peggiori? Radiologi, chirurghi e cardiologi. Attenzione, siamo nel campo della aneddotica, ma perché non cogliere l’occasione per farsi qualche domanda? Lo pensa anche Larry Husten che su Cardiobrief ha dedicato un breve post rinviando alla lettura dello …

Continue reading

Malati e sul lastrico

Alla fine molti medici americani hanno deciso di agire direttamente, senza attendere indicazioni dalle agenzie governative: quella di non prescrivere più i farmaci oncologici dal costo elevatissimo e privi di una sostanziale efficacia è stata una decisione sofferta ma motivata. “Non ha molto senso prescrivere prodotti che promettono pochi vantaggi in relazione al loro costo”, …

Continue reading

Key Opinion Leader: handle with care

L’opinione è una convinzione che non ha in sé una garanzia di verità accertata. Considerata questa intrinseca debolezza, colpisce quanto spazio invece abbiano le opinioni sui giornali, in televisione, in Rete. Chiunque ha un’opinione, avvertiva l’Ispettore Callahan, e opinione è una parola ricorrente anche se dovrebbe essere vista con sospetto: il New York Times ha …

Continue reading

Off-label: quale informazione è più libera?

Una storia di marine e di ancore, di pesci e del loro olio di cui in tanti raccontano proprietà indiscutibili. La vicenda di un prodotto – Vascepa – che è l’unico a comparire nel listino di una società – Amarin – che lo tiene comprensibilmente in grande considerazione. Più diffidente è la Food and Drug Administration – …

Continue reading

Perché non fidarsi del medico che scrive troppo

Mamma mia, quanto si scrive di diabete. Dal 1993 al 2013 il numero di articoli sulle terapie ipoglicemizzanti è aumentato costantemente: nel 1993 uscirono 22 lavori e venti anni dopo 566. Nel complesso, la mole di letteratura è aumentata di 20 volte e con maggiore intensità dopo il 2001. In questa considerevole produzione, (…)  110 firme …

Continue reading

Medicina di precisione o della approssimazione

Sembra quasi che, se tu conoscessi il suo nome e lo gridassi forte, quella persona là, proprio quel tipo in quel punto preciso della fotografia smetterebbe di camminare e, voltandosi, risponderebbe: “Che c’è?” La tecnica del fuoco selettivo, inventata dal fotografo Olivo Barbieri esposto nel corso dell’estate al MAXXI di Roma, ha qualcosa di magico: …

Continue reading

A forza di torturarli i dati … migliorano

Immagina di desiderare tantissimo di fare l’amore con quella donna (proprio quella donna e proprio fare l’amore eh). Arriva un tuo amico e ti invita a fare un esperimento: per cento giorni di seguito le chiederai un appuntamento, la metà delle volte telefonandole e l’altra metà aggiungendo alla telefonata un messaggio con whatsapp. Alla fine dei tentativi scoprirai …

Continue reading