… ma non fidarsi è meglio

“Promettiamo di non farlo mai più”. Ai primi d’agosto, il Journal Watch ha inviato un alert a tutti i propri lettori scusandosi per aver infranto l’embargo richiesto dal Lancet, avendo anticipato il contenuto di un articolo preannunciato alla stampa dal settimanale britannico. Una mezza giornata di anticipo, dovuta – hanno spiegato quelli della newsletter della …

Continue reading

Articoli taroccati made in China?

Cosa ci sarà in questi container? Magliette, ventilatori, orsacchiotti di stagno, tablet con alfabeto mandarino, piumini arancioni, accessori griffati Dolcissimi e Gabbanissimi, telefonini Nocchia, scarpe Nyke o Adydas? Tutto: di sicuro. Ma anche articoli “scientifici”. Una ricerca di Helen Zang, direttore dei periodici della Zhejiang University della città della Cina occidentale Hangzhou, ha mostrato che …

Continue reading

Editoria, decrescita e riunioni di condominio

Dovrebbe esistere un Inferno tutto per gli editori, sosteneva Goethe. Nessun problema: è la vita che si sono cercati. Almeno, così sembra leggendo le Modeste proposte per le case editrici che Marco Cassini ha postato sul blog di Minimum Fax, di cui è proprietario. E pensare che l’innamoramento per la professione, comune a qualsiasi editore, …

Continue reading

Rebekah e Catherine, donne sull'orlo di una crisi…

Determinazione, tenacia, pellaccia: nessun dubbio siano doti condivise da Rebekah Brooks e Catherine DeAngelis. Meno probabile che la quarta caratteristica essenziale per un leader, il cuore tenero, trovi spazio nel petto di entrambe. Da qualche giorno continuo a pensare in parallelo alle vicende di queste due donne. La prima, chief executive di News International è …

Continue reading

Google Books: la rivoluzione può attendere?

“Il masochismo è una competenza preziosa”, come dice Chuck Palahniuk, e ho l’impressione di essere un maestro nel campo. Altrimenti non terrei il feed del blog di Nicholas Carr sulle mie pagine di iGoogle. Non bastasse, mi sono anche sciroppato il suo libro, da poco in edizione italiana. La tesi di Carr è nota, anche …

Continue reading

Si scrive poco di malattie rare?

Si scrive poco di malattie rare? “Poco” è un concetto relativo e non possiamo non considerare che – solo a considerare le riviste indicizzate in MedLine – nel 2010 sono stati pubblicati più di quattromila lavori classificati con la keyword “rare tumors”.  D’accordo: erano 7800 nel 2009, ma ci dicono davvero qualcosa queste cifre? No, …

Continue reading

Accesso aperto ai … Naturisti

Nature Publishing Group annuncia Scientific Reports: la prima rivista open access di una delle case editrici scientifiche più note al mondo. Come si legge nel comunicato stampa, Scientific Reports pubblicherà articoli di ricerca in una serie di discipline che vanno dalla astrofisica alle neuroscienze; per gli autori, il costo della pubblicazione è fissato in 1.046 euro …

Continue reading

Quando il manuale sarà ad open access…

I manuali per gli studenti sono una delle principali fonti di ricavo per le case editrici scientifiche. Pensa che negli Stati Uniti ci sono 19 milioni di studenti nei college e ciascuno spende una media di 850 dollari l’anno per i libri di testo; più o meno, un’industria da 10 miliardi di dollari e la …

Continue reading