Editori di “roba grave” e nuovo millennio

L’editore è un mediatore. Chiunque lavori nell’editoria svolge attività di mediazione. Penso a chi lavora sui testi o sulle immagini, a chi produce formazione a distanza, a chi cura le relazioni con i media. Soprattutto al lavoro dell’editor che deve trovare una sintesi tra il modo di esprimersi dell’autore e la capacità o la disponibilità …

Continue reading

Omeopatia: l’Europa ci ripensa?

Il chief executive del National Health System inglese ha espresso le sue “serie preoccupazioni” sull’omeopatia, sostenendo che la pratica è “viziata alla fonte”. Simon Stevens e il direttore medico nazionale del NHS, Stephen Powis, hanno scritto alla Professional Standards Authority (PSA) in merito ad una possibile nuova procedura di accreditamento della società degli omeopati. Nella …

Continue reading

Mihajlović, valori e diritti

L‘allenatore malato, l’autarchia degli anglosassoni, l’inaccessibilità della ricerca: Twitter ci mette di fronte a un’infinità di cose e provare a collegarne alcune senza che tra di esse ci sia un’evidente relazione può essere un esercizio utile. Decency cannot be taken for granted. It is something we must create, advance, and actively work to build each …

Continue reading

Dopare l’impact factor

Da pochi giorni sono stati presentati i nuovi dati riguardanti l’impact factor delle riviste indicizzate sul Web of Science1. Nessuna particolare novità: 283 nuove riviste aggiunte alla banca dati e solo 17 cancellate. «L’impact factor (IF) è senza dubbio l’indicatore bibliometrico più utilizzato, male utilizzato e abusato nella scienza accademica. Le riviste sono classificate nel …

Continue reading

Editori e conflitto di interessi

TIra una brutta aria tra Gran Bretagna e Stati Uniti. A differenza di quel che accadeva 200 anni fa, ai tempi di Thomas Jefferson, non è più il commercio navale la materia del contendere. Ma sempre di affari si tratta, legati stavolta all’editoria scientifica. Ma dimmi tu. The New England Journal of Medicine is immensely …

Continue reading

Open access nel mirino del NEJM

“Il bene pubblico … è la diffusione digitale mondiale della letteratura periodica sottoposta a peer review e l’accesso completamente libero e senza restrizioni da parte di tutti gli scienziati, studiosi, insegnanti, studenti e altre persone interessate. Eliminare le barriere all’accesso alla letteratura darà un’accelerazione alla ricerca, arricchirà l’istruzione, renderà possibile la convisione dell’apprendimento dei ricchi …

Continue reading

Il New England va alla grande

Quindici anni di direzione scientifica del New England Journal of Medicine: quella di Jeffrey N. Drazen è un’esperienza duratura e di successo, celebrata da lui stesso in un Editoriale uscito sul Journal a fine ottobre 2015 (1). «Abbiamo cambiato il mix di quello che pubblichiamo», spiega il direttore. Un rinnovamento che ha avuto fortuna, se …

Continue reading