Il diritto di riflettere

Piazza della Pilotta si chiama così perché c’era un campo dove si giocava alla pelota. In origine, era un gioco sanguinario associato al culto del sole, rappresentato dalla palla: il giocatore che la faceva cadere in terra andava sacrificato. Due squadre da sette persone, quattordici giocatori disposti a tutto. Sedici, invece, i giocatori di 4Words18 per …

Continue reading

Obbligo di ECM istituzionale?

Nei maschi anziani con un’attesa di vita prevedibilmente limitata, vuoi per l’età vuoi perché sofferenti di altre patologie, prescrivere l’esame del PSA per la diagnosi di cancro della prostata non è giustificato. Eppure, 4 persone su 10 con un’aspettativa di vita pari o inferiore a 5 anni si vedono suggerito l’esame. [i] Anche con l’ecodoppler della …

Continue reading

Senza sorprenderci non cambiamo

Un’azienda sanitaria di una [non periferica] Regione italiana ha inviato una comunicazione ai propri dipendenti pregandoli di segnalare all’ufficio Formazione le riviste scientifiche alle quali avrebbero desiderato che l’istituzione sottoscrivesse un abbonamento. Non ha ricevuto alcuna risposta. Partecipando ad una serie di seminari dedicati alla ricerca e all’uso di documentazione utile per l’attività di assistenza, si …

Continue reading

ECM Low cost? Sognatela…

Più costa, l’educazione continua in medicina, meglio è. Primo, perché le pratiche amministrative di accreditamento portano un sacco di soldi nelle casse della sanità italiana: più gente partecipa a un evento, più alto è il pedaggio da pagare ad Agenas. Secondo, perché più un progetto è costoso, maggiori probabilità ha di trovare uno sponsor: se …

Continue reading

ECM: anche in questo caso "Less is more"

Se un medico dovesse “scegliere consapevolmente” tra le opportunità formative a disposizione difficilmente deciderebbe di seguire un corso di bridge. Eppure è accaduto, a Palermo e a Bergamo, negli ultimi mesi. Corsi accreditati dal programma nazionale di educazione continua in medicina. A Palermo il corso è stato annullato mentre l’evento (così – paradossalmente – ministero …

Continue reading

Risparmiare soldi mai spesi

Ha scontentato tutti ma è diventata una moda; la spending review si applica ai bilanci aziendali e alle paghette dei figli: potevamo farci mancare di usarla per riconsiderare le spese per la formazione del personale sanitario? A pensarci per primo è stato il ministro Tremonti (a proposito: che fine avrà fatto?), che nella legge Finanziaria …

Continue reading

Dieci regole per aggiornarsi

Più di 25 mila riviste scientifiche, centinaia di articoli al giorno: cosa fare, in concreto, per mantenersi aggiornati? Nei due giorni di corso a Bolzano, insieme a Tom Jefferson, abbiamo parlato della concentrazione della comunicazione nelle mani di pochi attori; della convergenza degli interessi di editori, industrie e autori; della crisi del modello dell’editoria tradizionale …

Continue reading