Valutare le tecnologie senza scorciatoie

“La medicina è una scienza imperfetta, un’impresa che si basa su conoscenze in continua evoluzione, su informazioni imprecise e su individui che possono sbagliare proprio quando la vita delle persone è in pericolo”. Non c’è da stare allegri, a dare retta ad Atul Gawande, chirurgo di Harvard che personifica il lato più cool della medicina …

Continue reading

Articoli taroccati made in China?

Cosa ci sarà in questi container? Magliette, ventilatori, orsacchiotti di stagno, tablet con alfabeto mandarino, piumini arancioni, accessori griffati Dolcissimi e Gabbanissimi, telefonini Nocchia, scarpe Nyke o Adydas? Tutto: di sicuro. Ma anche articoli “scientifici”. Una ricerca di Helen Zang, direttore dei periodici della Zhejiang University della città della Cina occidentale Hangzhou, ha mostrato che …

Continue reading

Rebekah e Catherine, donne sull'orlo di una crisi…

Determinazione, tenacia, pellaccia: nessun dubbio siano doti condivise da Rebekah Brooks e Catherine DeAngelis. Meno probabile che la quarta caratteristica essenziale per un leader, il cuore tenero, trovi spazio nel petto di entrambe. Da qualche giorno continuo a pensare in parallelo alle vicende di queste due donne. La prima, chief executive di News International è …

Continue reading

Medici e farmaci: che tentazione

Non ha assicurazione sanitaria. Condivide un appartamento ad una stanza. Si sposta a piedi. Indossa solo abiti usati. Mangia la verdura che coltiva nel retro della casa. Michelle studia Medicina alla Yale University e non ha un dollaro per sé. Come la quasi totalità degli studenti di Medicina statunitensi si è indebitata per sostenere il …

Continue reading

“Esperti”? No grazie

Pare che la maggioranza degli oncologi, se si ammalasse di cancro, non si farebbe curare dai colleghi più famosi. E dopo aver visto i dati al congresso di Firenze, è probabile che anche qualche cardiologo infartuato cerchi di dirottare l’ambulanza verso un’unità coronarica meno prestigiosa ma con risultati più rassicuranti. Tira una brutta aria per gli esperti, …

Continue reading

Fatti di medici e camorra

“Questi francesi pretendono di insegnarci come si gestiscono le cose? Ma se l’abbiamo inventata noi, la mafia, eh?” La frase strillata al telefono dal “Grande Professore” – irritato dal vedere sfumare un seppur modesto business economico a causa di un’imprevista incursione di colleghi d’Oltralpe – continuava a tornarmi in mente mentre leggevo il libro di …

Continue reading

Serve una strenna? Ordinala a mia moglie

Come la borsa pitonata di Cavalli. O il mocassino di panno di Dolce & Gabbana. Senza, non vai da nessuna parte. E’ la “moglie editore”, che da optional sembra ormai essere diventata un must della politica. Tutto nasce da un’evidenza: i libri non si leggono ma si regalano. E a donarli sono aziende, grandi e …

Continue reading

Facebook non è lo spinterogeno: dillo al NEJM

Trecentocinquantamilioni di utenti di Facebook e Twitter: può mancare l’industria farmaceutica dai social network? Se lo chiede il New England Journal of Medicine nel commento Pharmaceutical marketing and the new social media. Caspita quanto sono preoccupati i due autori, Jeremy A. Green e Aaron S. Kesselheim. Il modo in cui i due docenti del dipartimento …

Continue reading