La biblioteca più comoda è in tasca

Oltre 3 mila metri quadrati: le dimensioni della biblioteca di Birmingham, appena inaugurata, la rendono forse la più spaziosa del mondo. Raccoglie, all’ottobre 2013, più di 2 milioni e 750 mila volumi. Sono invece circa 1.400  i libri che possiamo archiviare in un Kindle, anche se – come nel caso degli scaffali di una biblioteca …

Continue reading

Google Books: la rivoluzione può attendere?

“Il masochismo è una competenza preziosa”, come dice Chuck Palahniuk, e ho l’impressione di essere un maestro nel campo. Altrimenti non terrei il feed del blog di Nicholas Carr sulle mie pagine di iGoogle. Non bastasse, mi sono anche sciroppato il suo libro, da poco in edizione italiana. La tesi di Carr è nota, anche …

Continue reading

Google conta i libri: sono 130 milioni

Poi dicono che Google non è amico dei bibliotecari. L’ultima (del 5 agosto) è venuta fuori sul blog di Mountain View: si sono messi a contare i libri e sono arrivati a 129.864.880. Ovviamente spiegano come hanno fatto e vengono fuori cose interessanti. 1. Non è possibile affidarsi ai database costruiti archiviando i codici assegnati …

Continue reading

Che fine faranno i libri?

Il Pensiero cambia sede: la nuova è un open space nella periferia romana. Spazio aperto con muri esterni (ovviamente) ma senza pareti interne. Una delle domande è apparsa chiara già all’indomani della decisione: che fine faranno i libri? Lo stesso interrogativo rilanciato da un librino visto domenica vicino alla cassa della libreria benevolmente aperta per …

Continue reading

Biblioteche-museo o 2.0?

Sulla strada tra Presicce e Taurisano una freccia a destra indica la presenza di Museo e Biblioteca. Un’associazione che inquieta, ma che trova riscontro in un titolo del Corriere della Sera del 22 agosto: “Milano e le biblioteche: la sfida senza confini per salvare la memoria”. Da oggi al 27 agosto c’è il congresso dell’International …

Continue reading

Le glosse sul Codice Reggiano

Che bella, la biblioteca Corradini della Asl di Reggio Emilia. Possiede un Fondo antico ricco di opere settecentesche ma non solo; anche codici quattrocenteschi composti e decorati da amanuensi. Uno in particolare, splendido per le decorazioni a foglia d’oro, con la particolarità dei cosiddetti “segni di richiamo” apposti in inchiostro seppia a margine del testo. …

Continue reading