Farma-Facebook a senso unico?

Pare (ma non è sicuro) che quando fu inventato il telefono le prime a rendersi conto delle potenzialità di marketing del nuovo strumento furono le industrie farmaceutiche. In particolare, una tra le più conosciute e apprezzate per la propria integrità avviò un’intensa campagna di contatti con gli utenti di questa strana diavoleria: la cornetta nera. …

Continue reading

La medicina sul web

E’ appena nato e il Lancet l’ha già battezzato: il Google per le linee guida. Il vero nome sarebbe NHS Evidence e anche un commento di Gillian C. Leng, sullo stesso settimanale inglese, lo paragona a Google. Anche qui trionfa il bianco ma il valore aggiunto sarebbe nella valutazione di qualità delle informazioni incluse nel …

Continue reading

Immagina una donna fatta da mille altre

Posso scegliere tra Berlusconi e Carla Bruni più altri tre volti che fortunatamente non ricordo. Troppo facile. Scelgo quattro termini e li affido a Google Image: donna, femme, woman, girl. Dopo pochi secondi inizia a comporsi il volto di Madame Sarkozy. Prima cento, poi mille, infine diecimila immagini femminili recuperate sul web. Man mano che …

Continue reading

Sushi in ospedale?

“La macchina fotografica è uno strumento che insegna a vedere senza la macchina”. Lo disse Dorothea Lange (chi è? guarda su Google) e mi è tornata in mente, la frase, guardando i piatti cucinati nelle mense degli ospedali di tutto il mondo. Li troviamo sul sito Hospital Food, un’idea straordinaria. Foto di piatti fatte dai …

Continue reading

Scurdammoce 'o passato…

Serviva parlare bene del Fosamax e del Vioxx (e tranquillizzare sui possibili side effects cardiovascolari): niente di meglio (e di più facile) che inventarsi una rivista, The Australasian Journal of Bone and Joint Medicine. Parecchi professoroni compiacenti (il reumatologo australiano Peter Brooks ha ammesso divertito di aver firmato anche degli “advertorial” per la Merck & …

Continue reading

Scurdammoce ‘o passato…

Serviva parlare bene del Fosamax e del Vioxx (e tranquillizzare sui possibili side effects cardiovascolari): niente di meglio (e di più facile) che inventarsi una rivista, The Australasian Journal of Bone and Joint Medicine. Parecchi professoroni compiacenti (il reumatologo australiano Peter Brooks ha ammesso divertito di aver firmato anche degli “advertorial” per la Merck & …

Continue reading

Tutti poveri in ospedale

“Piacere, sono Carlo”. “Luca, piacere”. Ha il camicione da ospedale aperto dietro, sotto un pannolone che gli scende alle ginocchia. Penso che somiglia al figlio di Costanza che tiene i jeans al cavallo e gli si vedono le mutande con la firma. Mi verrebbe da ridere ma non rido. Questo Carlo avrà più o meno …

Continue reading

Con gli e-book cambierà anche la scrittura

Gli e-book cambieranno non solo il nostro modo di leggere ma anche la maniera di scrivere. Vale la pena di leggere l’articolo di Steven Johnson sul Wall Street Journal: secondo lui (ha una certa esperienza avendone scritti sei, di libri, nelle ultime stagioni) gli autori non potranno non pensare al fatto che le persone che leggeranno …

Continue reading