Woody Allen, Monopoli e i nostri malesseri

Un articolo surreale di Woody Allen sul New Yorker spiega come i soldi possano dare la felicità. O forse è un’illusione: è Monopoli. Woody narratore è più stralunato di un adolescente che ha appena imparato a rollare; stasera, però, la provocazione più che nella breve trama è nel titolo, che pretenderebbe che i soldi comprassero …

Continue reading

Un anno nuovo senza andare stando

Il giorno di Natale, ad una festa dove mi stavo annoiando, ho letto buona parte di un libro appena tirato fuori da sotto l’albero e scartocciato. Purtroppo non era un regalo per me, ma ho rimediato appena riaperte le librerie. E’ Oriente, di Paolo Rumiz, racconta il suo viaggio da Trieste a Istanbul (bella l’intervista …

Continue reading

Accesso aperto ai … Naturisti

Nature Publishing Group annuncia Scientific Reports: la prima rivista open access di una delle case editrici scientifiche più note al mondo. Come si legge nel comunicato stampa, Scientific Reports pubblicherà articoli di ricerca in una serie di discipline che vanno dalla astrofisica alle neuroscienze; per gli autori, il costo della pubblicazione è fissato in 1.046 euro …

Continue reading

Big Pharma s’è scordata YouTube

Le aziende farmaceutiche hanno saputo cogliere l’opportunità promozionale offerta da YouTube? Solo parzialmente. O almeno così sostiene l’avvocato statunitense Mark Senak sul suo blog specializzato in Politica sanitaria EyeonFDA. Scrive Senak: “Il settore farmaceutico non sta facendo davvero un buon lavoro sul fronte YouTube. Si tratta di un mezzo potente che obbliga a un utilizzo …

Continue reading

Dai santi e poeti ai navigatori per la medicina

In un’alba così bianca, sul treno per Milano, leggo Lorenzo Moja e Rita Banzi sull’International Journal of Clinical Practice: “Healthcare professionals and providers should start to perceive the function of publishing differently, with publishers as rendering services and vendors”. Uno dei migliori articoli dell’anno, suggerito da Arabella (grazie!), con indicazioni esplicite ma anche significati più nascosti che …

Continue reading

Facebook non è lo spinterogeno: dillo al NEJM

Trecentocinquantamilioni di utenti di Facebook e Twitter: può mancare l’industria farmaceutica dai social network? Se lo chiede il New England Journal of Medicine nel commento Pharmaceutical marketing and the new social media. Caspita quanto sono preoccupati i due autori, Jeremy A. Green e Aaron S. Kesselheim. Il modo in cui i due docenti del dipartimento …

Continue reading

Articoli open più letti ma non più citati

Se si può leggere gratis è forse più probabile che venga scaricato ma, alla fine, le citazioni degli articoli open access non sono più numerose di quelle degli articoli venduti in abbonamento. Lo studio di Philip Davies della Cornell University uscito sul BMJ è una conferma del sospetto che il supposto “citation advantage” degli articoli …

Continue reading

Telemedicina: non sempre funziona

Prendi 1653 pazienti che sono stati recentemente ricoverati per scompenso cardiaco: a casa, metà li segui col metodo tradizionale e metà con un sistema di monitoraggio telefonico che costantemente segnala e registra sintomatologia ed eventuali problemi. Il risultato dello studio di Sarwat Chaudhry et al. pubblicato sul New England è sconfortante: nessuna differenza tra i …

Continue reading