Tutti poveri in ospedale

“Piacere, sono Carlo”. “Luca, piacere”. Ha il camicione da ospedale aperto dietro, sotto un pannolone che gli scende alle ginocchia. Penso che somiglia al figlio di Costanza che tiene i jeans al cavallo e gli si vedono le mutande con la firma. Mi verrebbe da ridere ma non rido. Questo Carlo avrà più o meno …

Continue reading

Con gli e-book cambierà anche la scrittura

Gli e-book cambieranno non solo il nostro modo di leggere ma anche la maniera di scrivere. Vale la pena di leggere l’articolo di Steven Johnson sul Wall Street Journal: secondo lui (ha una certa esperienza avendone scritti sei, di libri, nelle ultime stagioni) gli autori non potranno non pensare al fatto che le persone che leggeranno …

Continue reading

Paziente informato mezzo salvato

Immagina di avere a portata di mano un libretto fatto di schede sui benefici e sui rischi delle procedure diagnostiche e delle terapie più utilizzate. Prima di prescriverle, il medico lo apre e lo usa come traccia per parlarne al paziente. Non esiste ed è una bella idea di Roni Zeiger, medico e product manager di …

Continue reading

Twitter e Facebook inibiscono i sentimenti?

Uscirà la prossima settimana sui Proceedings of the National Academy of Science (PNAS) come “early release online” un articolo di ricercatori della University of Southern California che hanno studiato con metodiche di imaging cerebrale le reazioni neurologiche di utenti volontari di siti di social web. I risultati sembrano dimostrare che il formarsi di giudizi morali …

Continue reading

La mutanda cult

Pesce d’aprile per i medici di base irlandesi? Neanche per sogno: è tutto vero. I boxer recapitati dal postino erano un regalo della Pfizer, come del resto confermava il marchio Viagra impresso sulle mutande. Un modo eccellente per festeggiare i dieci anni dal lancio del prodotto nell’isola britannica. Dopo qualche giorno, un seguito contrastante: da …

Continue reading

Medicina e… computer?

Steve Jobs continua a seguire da vicino la Apple: il Wall Street Journal conferma il ruolo cruciale del leader creativo dell’azienda ma non aggiunge nulla a quanto già si sapeva (poco) sulla malattia che lo ha colpito.

Continue reading

La Qualità mi fa male lo so

Sul Wall Street Journal, un articolo di due clinici di Harvard mette in guardia sui pericoli della “quality metrics”; citano David Sackett per avvertire i lettori di quanto sia pericoloso affidarsi ai risultati delle sperimentazioni per giudicare l’assistenza erogata dagli ospedali: “Half of what you’ll learn in medical school will be shown to be either …

Continue reading

Bibliotecari tutti a Scholar?

Pian piano, Google Scholar viene riabilitato dai bibliotecari scientifici. Ora è il turno delle Arizona State Libraries, che hanno preparato un tutorial su YouTube che ne spiega l’uso. Come dice Dean Giustini, è uno strumento di pre-searching: orienta l’utente dandogli le coordinate attraverso cui definire le strategie di ricerca. Può servire anche per un’analisi preliminare …

Continue reading